Pubblicato in: Rubriche del blog

Emozioni in giro per il mondo: Biblioteca di Cincinnati

16237776_10208223925901485_1899387763_nLa triste storia della biblioteca di Cincinnati trasformata in un parcheggio.

La vecchia biblioteca pubblica di Cincinnati (Usa) avrebbe potuto ispirare film come “Harry Potter”. I suoi scaffali verticali, capaci di accogliere 300mila libri, le sue scale a chiocciola, il suo pavimento di marmo e i suoi alti soffitti, l’hanno resa per 85 anni un luogo unico, mitico. Entrarvi era come entrare in un altro mondo, un posto illuminato da un incredibile soffitto di vetro che inondava di luce il salone principale.

16216225_10208223925461474_2125797780_nCustodita da busti di William Shakespeare, John Milton e Benjamin Franklin, questo monumento alla letteratura è stato demolito nel 1955: al suo posto sono sorti un parcheggio e degli uffici. Costruito nel 1874, inizialmente l’edificio avrebbe dovuto ospitare l’opera di Cincinnati. Ma mancavano i fondi, così è stato deciso di adibirlo a biblioteca. “La più spettacolare degli Stati Uniti”, come affermato dalla stampa dell’epoca.

16229828_10208223926301495_851529358_oNonostante la sua estrema bellezza, la vecchia biblioteca pubblica è stata segnata da una triste fine. Nel 1955 ha chiuso i battenti e la sua collezione di 1,5 milioni di libri è stata spostata altrove. L’edificio è stato demolito in poche settimane, senza alcuna protesta. A nessuno è parso un crimine porre fine alla storia della biblioteca più spettacolare degli Stati Uniti.

Fonte:
http://www.messynessychic.com/2014/06/17/seriously-though-how-did-the-most-beautiful-library-in-america-get-demolished/

Rily

Annunci
Pubblicato in: Rubriche del blog

Emozioni in giro per il mondo: Biblioteca del Castello Hearst

La biblioteca “gotica” (lunga 80 metri) si trova nel castello di uno degli uomini più ricchi d’America.

15942379_10208119735696795_353805637_n

Siamo in California, su una collina da cui si ammira l’Oceano, nei pressi di San Simeon. Qui William Randolph Hearst (1863–1951), magnate della stampa, fece costruire un vero e proprio castello (Castello Hearst). All’interno, una commistione di stili architettonici. Ma, soprattutto, oltre a 56 camere da letto, 61 bagni, 19 salotti e uno splendido giardino, si trova anche la biblioteca che vedete in queste immagini.

15935641_10208119736056804_277648994_n

15942592_10208119735976802_707059173_o

E’ lunga ben 80 metri e ospita circa 4 mila volumi.
All’interno si trova anche una collezione di 150 antichissimi vasi greci.

15942088_10208119736336811_97336589_n

 

Rily

Pubblicato in: Rubriche del blog

Emozioni in giro per il mondo: Biblioteca Nazionale Russa Saltykov-Ščedrin

L’edificio originario della biblioteca, costruito dall’architetto Egor Sokolov nel 1796-1801, si affaccia sull’angolo formato dal Corso Nevskij e dalla via Sadovaja. Nel 1828-1832 Rossi vi aggiunse una nuova ala che dava su piazza Ostrovskij. Le pareti di questo nuovo edificio erano decorate con bassorilievi e sculture di scienziati, filosofi, oratori e scrittori dell’antichità.

img_4130

L’attico dell’edificio è sormontato dalla figura scultorea di Minerva, protettrice delle scienze, dea della saggezza. L’elmo della dea è decorato con una minutissima sfinge, la più piccola della città. Le sculture che abbelliscono la facciata della Biblioteca Nazionale Russa è come se facessero da testimoni dell’enorme patrimonio bibliografico custoditovi.

Infatti si tratta di una delle maggiori biblioteche pubbliche del mondo. La biblioteca fu inaugurata nel 1814.

All’epoca dell’inaugurazione la biblioteca aveva solo una sala di lettura capace di 46 posti a sedere. Il fondo libri contava 238 mila volumi, di cui solo 8 in russo e in slavo antico. Già nel 1917 il fondo libri contava tre milioni di volumi.

Nel periodo sovietico il fondo è cresciuto di oltre otto volte e attualmente sfiora 24 milioni di libri. Annualmente è visitata da circa due milioni di persone, che ordinano circa 10 milioni di libri. La biblioteca dispone di libri in 89 lingue dei popoli dell’LIRSS, in tutte le lingue europee, e in 156 lingue africane e orientali. È considerata la seconda biblioteca del paese dopo la Biblioteca di Mosca.

Lo scambio bibliografico si man tiene con oltre 100 paesi. Ogni giorno il fondo della biblioteca si arricchisce in media di seimila libri, carte, giornali, riviste. Il fondo russo è il più rappresentativo in quanto contiene tutte le pubblicazioni in russo dall’epoca del primo libro stampato in Russia. È di particolare interesse il settore dei primissimi libri stampati e la raccolta della «Stampa libera russa», che vanta pubblicazioni su tematica rivoluzionaria stampate all’estero o clandestinamente in Russia prima del 1917.

È anche molto ricco il fondo di libri stranieri, in quasi tutte le lingue su ogni argomento. Qui vengono conservate le pubblicazioni eseguite in Europa occidentale prima del 1500; la collezione «Rossica» che comprende opere in lingue straniere sulla Russia; le traduzioni di opere di scrittori russi in varie lingue, nonché pubblicazioni russe in lingue straniere.

La sezione dei manoscritti vanta una ricchissima raccolta di libri e manoscritti in slavo antico e in russo, tra cui il Vangelo di Ostromir (XI sec.), le cronache del XV sec., vari documenti e autografi di Pietro I, di Aleksandr Suvorov, ecc. Qui è custodita anche l’unica copia del Casovnik (Libro d’ore), il secondo (dopo l’Apostolo) libro stampato e datato in Russia. Fu approntato su ordine di Ivan IV (il Terribile) nel 1565 da Ivan Fèdorov, pioniere dell’arte della stampa in Russia.

img_4131

Tra i libri rari è conservata anche la biblioteca personale di Voltaire di 6.814 volumi. C’è qui anche il più piccolo libro stampato al mondo, Le Favole di Krylov, dalle misure di un minutissimo francobollo: su ognuna delle 104 pagine si contano circa 500 lettere stampate così bene da esser leggibili ad occhio nudo.

Nel fondo della letteratura dei paesi orientali esteri vengono conservati libri, riviste, giornali in oltre 200 lingue, tra cui opere risalenti al III secolo a.C. Qui è custodita la copia xilografica della famosa enciclopedia cinese Tusu Tzicen (oltre 1.300 volumi), l’enciclopedia della Dinastia Ts’in (più di 1.000 volumi), rarissime pubblicazioni sulla rivolta di Taipin (guerra contadina in Cina del 1851-1864), sulla storia delle filosofie indiane in sanscrito.

Nel settore dei manoscritti sono di particolare interesse una parte dell’archivio della Bastiglia, il dossier poliziesco su Voltaire, le lettere di Erasmo di Rotterdam, Leibnitz, Rousseau, Diderot, gli autorgrafi di Rossini, Mira-beau, Robespierre, Napoleone, Byron, Beranger, Heine ed altri materiali di valore.

Info:

Indirizzo: pl. Ostrovskogo, 1/3, St Petersburg, Russia

Orari:

Lunedì 09–20:30
Martedì 09–20:30
Mercoledì 09–20:30
Giovedì 09–20:30
Venerdì 09–20:30
Sabato 11–18:30
Domenica 11–18:30

Rily

Pubblicato in: Rubriche del blog

Emozioni in giro per il mondo: Biblioteca Universitaria Gheorghe Asachi

img_4086

La Biblioteca Universitaria Gheorghe Asachi di Iasi è stata votata come la seconda più bella biblioteca del mondo, ciò che era un po’ sorprendente, in quanto erano pochissime persone che sapevano della sua esistenza.

img_4085

Molto ben attrezzata, che contiene circa 1 milione di titoli. Funziona all’interno del Palazzo Universitario di Iasi, situato nel quartiere Copou. L’edificio fu costruito nel 1860 su l’iniziativa di Alexandru Ioan Cuza ed è stato progettato dall’architetto francese Louis Blanc. Contiene elementi di stile architettonico europeo di quel periodo e dell’accademismo francese.

img_4088

Informazioni:

B-dul Carol I, nr. 11,România

orari: lun-ven 8:00 – 15:00

Rily

 

Pubblicato in: Rubriche del blog

Emozioni in giro per il mondo: George Peabody Library (Baltimora)

img_3998La George Peabody Library, precedentemente noto come la Biblioteca dell’Istituto Peabod. Si trova nel campus di West Peabody Mount Vernon Place nel quartiere storico di Mount Vernon-Belvedere culturale a nord del centro di Baltimora, nel Maryland, di fronte al Washington Monument.

img_4001Lo scenario è mozzafiato, per chi ama i libri, ma non solo. Siamo negli Usa, nello Stato del Maryland, e quella che vedete nelle immagini è la George Peabody Library di Baltimora, immensa biblioteca a piani. Qui sono conservati più di 300mila volumi, e a colpire sono anche i 6 ordini di imponenti colonne (oltre 61 metri di altezza), il pavimento in marmo bianco e la luminosità…

img_3999Non a caso, in questa biblioteca (che risale al 1857), tra l’altro, si organizzano anche feste e addirittura matrimoni…

Tra i testi raccolti, trova grande spazio la musica, ma non solo: dalla storia alla letteratura inglese e americana, passando per i classici latini e greci, senza dimenticare la scienza e la geografia, a Baltimora è raccolto il meglio del sapere umano.

Infomazioni
Indirizzo: 17 E Mt Vernon Pl, Baltimore, MD 21202
Orari:
Lunedì Chiuso
Martedì 09–17
Mercoledì 09–17
Giovedì 09–17
Venerdì 09–15
Sabato Chiuso
Domenica Chiuso

Rily

Pubblicato in: Rubriche del blog

Emozioni in giro per il mondo: Biblioteca di Malmö (Malmö stadsbibliotek)

 

Un milione di nuovi visitatori all’anno è una cifra difficile da immaginare: è come se buona parte della popolazione di Milano decidesse di recarsi in Svezia nello stesso anno a visitare la stessa biblioteca. Ma cosa può avere di così particolare la biblioteca cittadina di Malmö?

imageLa struttura originaria è del 1901, con delle successive modifiche avvenute nel 1997 e nel 1999; si presenta come un’architettura tripartita in volumi distinti, ma concettualmente collegati tra loro: a est il “Castello”, costruito nel 1901 come museo, divenuto poi biblioteca nel 1946; il “Calendario di Luce”, l’edificio a ovest, inaugurato nel 1997 e realizzato dall’architetto danese Henning Larsen; la struttura di raccordo dei due edifici, il “Cilindro”, è l’ingresso alla biblioteca e la sede dello sportello informativo e di un bar.

 

image

Al suo interno la biblioteca ha più di 600mila “media”: libri in circa 60 lingue, riviste e giornali da tutto il mondo, cd, film, videogiochi e i cosiddetti “libri parlanti”. Di cosa si tratta? No, non parliamo di “audio-libri”… Invece di consultare i tomi i lettori possono “prendere in prestito” una persona e porle delle domande; sì, avete letto bene. Ci sono coppie omosessuali sposate, un imam, donne musulmane che portano il velo, crossdressers, punk, animalisti, skinheads, ausiliari del traffico e molti altri che si rendono disponibili per incontri periodici (solitamente nel caffè della biblioteca) in cui intavolano discussione tematiche di 45 minuti con gli utenti della biblioteca (che devono prenotarsi). Una sfida ai pregiudizi in una città multi-culturale.

image

Indirizzo: Kung Oscars väg 11, Malmö, Svezia

Orari:

Lunedì 10–19
Martedì 10–19
Mercoledì 10–19
Giovedì 10–19
Venerdì 10–18
Sabato 11–17
Domenica 11–17

Rily

Pubblicato in: Rubriche del blog

Emozioni in giro per il mondo: Biblioteca nazionale della Grecia

image

La biblioteca nazionale della Grecia fa parte della trilogia architettonica famosa progettata dall’architetto danese Theophil Freiherr von Hanse. È situato nel centro di Atene sull’angolo della via di Ippokratous e di Panepistimiou, attraverso alla stazione della metropolitana di Panepistimio.

image

Costruita nel XIX secolo dall’architetto danese Theophil Freiherr von Hansen. L’edificio, realizzato completamente in marmo, presenta colonne doriche simili a quelle del Partenone.

La biblioteca ospita una delle più grandi e meglio conservate collezioni di antichi manoscritti greci, alcuni dei quali risalgono a più di 1400 anni fa, oltre a oggetti rari come libri, mappe, giornali, frammenti di una bibbia del VI secolo e l’edizione originale di racconti e inni del poeta Omero l’archivio dei combattenti greci che presero parte alla rivoluzione del 1821 e alcuni spartiti musicali bizantini.

image

Terminato il tour della biblioteca, passeggiate nei giardini all’aperto e ammirate la statua di Panaghis Vallianos, che partecipò ai lavori di costruzione dell’edificio.

La biblioteca si trova a fianco all’Accademia di Atene, su viale Eleftherios Venizelos, nel quartiere di Akadimia. La zona è collegata da numerosi autobus e trame la fermata della metro è proprio di fronte alla biblioteca.

Il vicino Museo della Città di Atene, un tempo residenza del re Ottone e di sua moglie Amalia, ospita una collezione di reperti legati alla tradizione dell’antica Grecia.

Indirizzo: 32 Panepistimiou Street,Athens,10679, 106 79, Grecia

Orari di Apertura:

Da lunedì a giovedì: 09: 00-20: 00

Ven-sab: 09: 00-14: 00

Manoscritti Sala Lettura

Lun-Ven: 09: 00-14: 00

Sab: chiuso

 

Rily

 

Pubblicato in: Rubriche del blog

Emozioni in giro per il mondo: Biblioteca del Senato francese

image

Biblioteca del Senato francese, che annovera fra i suoi passati funzionari molti scrittori illustri, quali Leconte de Lisle (1871-1894) e Anatole France (1876-1890), è ospitata nella Grande Galerie del Palazzo del Lussemburgo, terminato nel 1630, e si affaccia sui famosi omonimi giardini. Dopo essere stato destinato a dimora di personaggi illustri, prigione durante la Rivoluzione, sede del primo museo di pittura francese aperto al pubblico (1750), dal 1842 il luogo è sede della Biblioteca del Senato francese. Lunga cinquantadue metri per sette di larghezza, fu anch’essa decorata da Delocroix, che lavorò nel Palazzo dal 1840 al 1846. Nel 1887, per consentire l’accrescimento delle raccolte, fu occupata la Galleria dell’ala est, che divenne l’Annexe della Biblioteca.

imageMa la storia dell’istituzione inizia molto prima, nel 1799, con la nascita del Senato conservatore. Tuttavia, solo nel 1815, con la Restaurazione, viene nominato un bibliotecario, incaricato anche della cura degli archivi.

In quel periodo la Biblioteca comincia ad arricchirsi di molte opere rare e preziose, attraverso acquisti, legati e eredità, come la raccolta Duprat-Taxis (genealogia dei Pari di Francia), la Descrizione dell’Egitto ordinata da Napoleone (monumentale racconto della campagna militare ed archeologica), e più tardi i manoscritti di V. Hugo, oltre ad innumerevoli stampe, incisioni, fotografie d’epoca.

Nel 1831 la Biblioteca può vantare un fondo di oltre diecimila testi, che nel 1842 sono già venticinquemila e nel 1887 ottantamila.

imageOggi la Biblioteca raccoglie circa quattrocentocinquantamila volumi con un accrescimento di quattromila l’anno, oltre alle novecento riviste cui è abbonata, e si serve dei più moderni mezzi informatici per soddisfare le esigenze dei propri utenti, che sono esclusivamente i parlamentari e i loro collaboratori. Attualmente il Servizio della Biblioteca, degli archivi e della documentazione straniera è diretto da Catherine Maynial.

imageNell’Annesso della Biblioteca è ambientata la trasmissione settimanale “Biblioteque medicis” (dal nome di Maria de’ Medici, moglie di Enrico IV, alla quale si deve il completamento del Palazzo), nella quale politici ed intellettuali dibattono su libri ispirati a temi di attualità.

Pur non essendo aperta al pubblico per la consultazione, la Biblioteca è compresa nel percorso di visita del Palazzo del Lussemburgo, aperto un sabato al mese per i singoli e su appuntamento per i gruppi.

 

 

 

Indirizzi e recapiti (tratti dal sito ufficiale della Pubblica amministrazione, Service-Public.fr):

Palais du Luxembourg, 15 de Vaugirard, 75291 Paris Cedex 6

 

Rily

Pubblicato in: Rubriche del blog

Emozioni in giro per il mondo: Biblioteca Vallicelliana

imageLa Biblioteca Vallicelliana ha sede a Roma nel complesso monumentale dell’Oratorio dei Filippini, opera di Francesco Borromini. Le raccolte dell’istituto riguardano principalmente la storia della Chiesa, gli studi medievistici e paleografici. La nascita della Biblioteca Vallicelliana è strettamente collegata alla figura di Filippo Neri e alla Congregazione dell’Oratorio, istituita nel 1565. La prima raccolta libraria è costituita dalle opere possedute da Filippo Neri, passate nel patrimonio della Congregazione alla sua morte, nel 1595. imageLa Biblioteca Vallicelliana è già documentata nel 1581 grazie al lascito testamentario di Achille Stazio (Aquiles Estaço) a favore di Filippo Neri e della Congregazione dell’Oratorio: 1700 volumi a stampa e 300 manoscritti. Nel 1874, in seguito alla legge sulla soppressione delle Corporazioni religiose, la Vallicelliana fu trasformata in biblioteca di diritto pubblico; nel 1876 la Giunta liquidatrice dell’Asse ecclesiastico stabilì di suddividere i documenti della Congregazione fra l’Archivio di stato di Roma, la stessa Congregazione e la Biblioteca.

imageLa Biblioteca possiede circa 130.000 volumi: circa 3000 manoscritti, un piccolo nucleo di incunaboli, circa 40.000 opere comprese tra il XVI e il XIX secolo, prevalentemente di natura storico-ecclesiastica, erudita, patristica e teologica, image ma anche testi di filosofia, di diritto, botanica, astronomia, architettura e medicina.Il materiale iconografico della Vallicelliana comprende una pregevole raccolta di incisioni nonché un importante fondo di fotografie.

Informazioni

Indirizzo: Piazza della Chiesa nuova, 18 – 00186 Roma

Orari:

Lunedì 08–14
Martedì 08–14
Mercoledì 08–19:30
Giovedì 08–19:30
Venerdì 08–14
Sabato 08–14
Domenica Chiuso

Rily

 

Pubblicato in: Rubriche del blog

Emozioni in giro per il mondo: The State Library of South Australia

image

The State Library of South Australia è una delle più affascinanti biblioteche australiane. Siamo ad Adelaide, e qui sono raccolti documenti che testimoniano la presenza di chi abitava questa terra prima degli insediamenti europei.

L’Australia Meridionale divenne una colonia britannica nel 1836 ed entrò a far parte del Commonwealth dell’Australia nel 1901. Quest’area, in realtà, venne esplorata dagli europei già nel 1627.

image

La biblioteca è composta da più parti (una costruzione più moderna collega le aree più antiche): quella che colpisce di più è sicuramente l’ala Mortlock (recentemente restaurata), che è stata inaugurata nel 1884.

L’edificio, in stile rinascimentale francese, va segnalato anche per le decorazioni, oltre che per i volumi ospitati (alcuni davvero molto rari).

informazioni

Indirizzo: North Terrace, Adelaide SA 5000, Australia

Orari:

Lunedì 10:00–20:00
Martedì 10:00–20:00
Mercoledì 10:00–20:00
Giovedì 10:00–18:00
Venerdì 10:00–18:00
Sabato 10:00–17:00
Domenica 10:00–17:00

Rily