Archivi

Comunicato Emma Books : Emma Books si apre agli audiolibri grazie a Storytel

Emma Books e Storytel: una nuova storia d’amore.

 

Il nostro incontro Non c’è rosa senza sfide a Tempo di libri voleva essere una testimonianza diretta di come Emma Books sia nata dopo aver accettato una delle prime sfide digitali e tecnologiche lanciate dall’editoria, la lettura digitale, e di quanto sia continuamente aperta agli stimoli internazionali e non abbia perso il desiderio di mettersi alla prova accogliendo le nuove opportunità di lettura proposte dal mercato. Questo è possibile grazie ad autrici e autori disposti a trasformare le proprie opere, a lettori capaci di accogliere tali mutamenti e a un team vivace.

Con questa base solida siamo contenti che Storytel, l’ultimo servizio di audiolibri arrivato in Italia, ci abbia aperto le porte e che sia nata una nuova collaborazione.

Perché Emma? Come ha detto Marco Ragaini (Publishing Teamleader di Storytel) a Tempo di libri, il rosa è un genere che ha il coraggio di parlare di aspirazioni, desideri, sentimenti e sogni che tutti noi abbiamo dentro, sia uomini che donne, e che non sempre riusciamo a esprimere. Questo carattere del rosa, che tocca intimità e sentimenti, è un elemento chiave che si sposa bene con la fruizione dell’audiolibro, poiché quest’ultimo introduce un’inedita dimensione di prossimità e di forte intimità tra il lettore e il testo. Immaginate di aggiungere una nuova dimensione alla storia che già conoscete; il testo diventa tridimensionale poiché gli attori sono tre (autore, lettore e voce) e l’autore stesso, d’ora in poi, potrà scrivere e compiere determinate scelte pensando che un giorno il suo romanzo non sarà soltanto letto, ma anche ascoltato. Inoltre, per quanto riguarda il target delle donne nella fascia di età intermedia appassionate alla lettura, il mercato è in forte crescita. In questo senso l’audiolibro è una strada promettente.

Nato in Svezia nel 2005, Storytel arriva oggi in Italia e diventa un passo importante nel consumo di storie “in movimento”, di cui la lettura digitale è ormai strumento consolidato. Si tratta di un servizio la cui piattaforma europea fornisce un abbonamento in streaming di titoli disponibili per l’ascolto in tutte le lingue. Gli utenti, attraverso un’app per smartphone e tablet, possono ascoltare illimitatamente (e anche offline) oltre 80mila audiolibri. Il servizio è disponibile per iOS e Android e prevede 30 giorni di prova gratuita per i nuovi abbonati, che possono continuare a usufruirne pagando solo 9,99 euro al mese.

I titoli del nostro catalogo già disponibili sulla piattaforma sono i primi 4 episodi del GD Team di Monica Lombardi (Nicky, Vertigo, Free Fall e Alex), Il mio vento di Primavera di Emily Pigozzi, Non avrai il mio shampoo di Barbara Solinas, Three doors di Monica Lombardi, Le scarpe son desideri di Roberta Marasco e Kyler di Paola Gianinetto. E presto se ne aggiungeranno molti altri.

A casa di Emma l’entusiasmo è grande. Ci piace immaginare che i nostri lettori possano finalmente ascoltare i romanzi che li hanno tenuti col fiato sospeso in diverse situazioni quotidiane: in auto, prendendo il sole, facendo sport, cucinando, camminando o semplicemente rilassandosi a occhi chiusi. Ci piace pensare e credere che le storie abbiano approdi nuovi e sempre più stimolanti. Questa è stata la prima sfida di Emma e vuole essere il leitmotiv di oggi: emozionarsi sempre, dovunque.

 

Annunci

Estrazione giveaway: Serie Morte e Distruzione di Patricia Logan

Eccoci con l’estrazione dei tre vincitori del giveaway della serie Morte e Distruzione.

In palio una copia in ebook  per ognuno di loro di Carichi e Pronti, quarto libro della serie.

Estrazione avvenuta per mezzo di un generatore casuale di numeri sul sito Random.org.

Primo numero estratto: 3

Complimenti a Autumn Saper!

Secondo numero estratto: 1

Complimenti a abcvenetovideo!

Terzo numero estratto: 5

Complimenti a Vanda Prete!

I tre vincitori possono contattarci sulla nostra pagina fb Emozioni fra le pagine in mp o mandare una mail all’indirizzo del blog emozionifralepagine@gmail.com e fornirci il loro indirizzo mail per l’invio dell’ebook.

Giveaway: Serie Morte e Distruzione di Patricia Logan

Parte domani 27 aprile il giveaway della serie Morte e Distruzione di Patricia Logan.

Per tutta la durata dell’evento, cioè dal 27 aprile al 1 maggio, il primo volume Morte e Distruzione sarà gratis.

Un’occasione da non farsi perdere per chi non avesse ancora iniziato questa avvincente serie romance suspense m/m!

Patricia, inoltre, dà la possibilità a tre dei suoi lettori di poter vincere una copia del quarto volume Carichi e Pronti (l’ultimo uscito qui in Italia) partecipando al giveaway.

Partecipare è semplice vi basterà mettere un commento sul blog sotto a questo articolo esprimendo il vostro assenso a partecipare e, se vi va, magari dirci cosa vi piace di questa serie.

Finito il giveaway verranno estratti i tre vincitori attraverso il sistema Random.

Vi aspettiamo sul blog! Domani si inizia!

 

Emozioni fra le pagine: Tre anni di Emozioni

Dicono che tre è il numero perfetto e questo per noi è il terzo anniversario del blog!

8597C119-E3BA-4EAF-BB37-7B251D29236F

Ovviamente speriamo di farvi compagnia ancora per molto tempo ma è bello ripercorrere con tutti voi quello che è successo nell’ultimo anno.

E lo faremo con le parole ma anche con le immagini, perché a volte un’immagine vale più di mille parole.


80F6A9A3-43ED-4385-B6C1-31CC310CC368

Emozioni fra le pagine è il nostro angolo di Paradiso, l’oasi felice per noi appassionate di libri.

Tutto ciò non sarebbe possibile senza tutti i nostri collaboratori che con entusiasmo ci hanno seguite in questo progetto.


41C7E829-EFB9-4BCE-AA2B-88A4D82C8F66

Perciò GRAZIE DI CUORE!

Grazie per essere delle lettrici compulsive come noi, grazie che dedicate parte della vostra vita ai libri, grazie per essere sempre disponibili e di avere un sorriso pronto ogni volta.

57A007D6-0BCE-4720-A815-8B015F681AE5

E poi ci siete voi lettori, che seguite Emozioni fra le pagine, che sfogliate le pagine virtuali del blog e che leggete le nostre recensioni.

46435443-7F36-4D63-9EA3-7AA79662B035

GRAZIE DI ESSERVI AVVENTURATI IN QUESTO VIAGGIO CON NOI!

E come dimenticare le autrici e gli autori che ci fanno sognare con le loro parole? E le Case Editrici e i self publishing che ci danno fiducia sottoponendoci le novità in uscita?

16184800-6DE8-472D-88D5-8A406B00E7BA

E272628F-AA9A-40AE-A821-A42FCB3D5779

GRAZIE MILLE ANCHE A VOI!

Avere un blog vuol dire anche partecipare alle fiere e ai meeting e noi appena possiamo siamo presenti perché ogni volta è una grande emozione incontrare autori, addetti ai lavori e amiche lettrici.

0E7A0E96-C61A-4FF5-9A44-A143C4008C90

DFDBE6A2-31D5-4521-9FC7-D8ED9B22A9A1

È come far parte di una grande famiglia stretta insieme dall’amore per i libri. E quell’amore è indelebile come l’inchiostro sulla carta.

9CF2A48C-E3FE-43E2-83ED-130B3E64005E

Gli abbracci, i sorrisi, le chiacchiere insieme… e il tempo che scorre sempre troppo in fretta a questi eventi.

4E796E4A-9BE4-42A3-BDC6-F37BE833EDF4

Un abbraccio forte virtuale a tutti quanti e vi auguro di passare un altro anno meraviglioso in nostra compagnia!

Sunshine

Emozioni & Tempo di libri : Fiera internazionale sull’editoria

 

 

Per il secondo anno a Milano è tornato “Tempo di Libri” e la città si è ritrovata invasa dal profumo di pagine non ancora sfogliate, di carta stampata, di inchiostro e di sogni.
Nel cuore di Milano, per cinque giorni, tutto ha girato intorno al mondo dell’editoria e al nostro grande amore: i romanzi di ogni genere di ogni dimensione.
Un sogno a occhi aperti, per noi che abbiamo un libro al posto del cuore.
Noi del blog ci siamo ritrovate il sabato, in una giornata grigia e piovosa, ma appena arrivate in fiera, ecco il sole: stand su stand, pile di libri, una gioia per gli occhi e per il cuore. L’appuntamento era alla postazione della “Triskell edizioni”, lo stand profumava di primavera, un arcobaleno in mezzo a tantissime lettrici pronte a confrontarsi, commentare e farsi fotografare e Barbara Cinelli, “la signora Triskell”, è stata pronta all’assalto delle lettrici con un sorriso.

E poi tappa fissa da Amazon e le sue autrici, Adele Vieri Castellano e Monica Lombardi, due donne e due scrittrici diverse ma ugualmente straordinarie – le nostre signore del Romantic Suspance – che sanno incantare non solo con i loro romanzi ma anche con le parole, la disponibilità e la gioia.

Non è mancato l’incontro con Paola Gianinetto, il suo incredibile entusiasmo e il suo sorriso luminoso.
Giri tra stand, acquisti che per i non appassionati potrebbero sembrare ossessivo-compulsivi, ma che per noi sono fondamentali.
Incontri con amiche con la stessa passione, amiche blogger come Michela B. (che ringrazio per avermi passato alcune foto) e Cristina J.F., amiche di altre pagine facebook, un ritrovo tra persone diverse, gusti diversi.

Una fiera, sì, una meravigliosa fiera, ma che è stata una grande festa dove abbiamo potuto abbracciare tantissime amiche vicine e lontane, le distanze si sono azzerate, lettrici e autrici tutte insieme tra sogni, speranze e abbracci.
Quel giorno la mia Milano era grigia ma Tempo di Libri ha portato il sole, quel sole che ti bacia la pelle, ti fa brillare gli occhi e ti scalda il cuore.

Articolo a cura di : 

Editing :

 

 

GoodBye Party serie Cut & Run – Armi e Bagagli + Giveaway. Le stranezze di Ty: dalle magliette agli animali selvatici

Benvenuti alla tappa di Emozioni fra le pagine del Goodbye Party della serie Armi e Bagagli di Abigail Roux!

Innanzitutto spero vi stiate divertendo con il nostro omaggio a una serie che ha emozionato tanti lettori e lettrici.

Prima di addentrarci nella tappa di oggi, permettetemi di ringraziare le colleghe blogger con cui ho lavorato per questo Goodbye Party. Mi sono trovata molto bene a collaborare con voi. E un grazie speciale a Gaia che ci ha coinvolto in questa avventura, a Yuko che ha creato alcune delle immagini di oggi e il banner di apertura, e a Franlu che ha fatto il banner di chiusura. Un grazie anche a Federica, una delle nostre grafiche, che ha fatto l’immagine di Ty con Barnum. 

Ma ora veniamo a noi.
La nostra tappa ha un titolo singolare “Le stranezze di Ty: dalle magliette agli animali selvatici”, proprio come il personaggio di cui ci occuperemo.
Per quanto tutti i personaggi della serie Armi e Bagagli siano molto belli, il mio cuoricino ha un debole per Ty Grady.
Amo molto il tipo di ironia che ha Ty e le sue magliette ben la rappresentano. Sarebbe stato bello fare le grafiche per ogni maglietta ma sarebbero state veramente troppe, così come per le citazioni degli animali selvatici. Pronti a farvi quattro risate con Ty?

“Associazione Canottieri Fiume DiMerda.”

La modalità assassina è solo una delle tante.”

“Un elefante non dimentica mai e non perdona mai.”

Ty ha inoltre un rapporto complicato e alquanto strano con gli animali selvatici, ma vediamo meglio nel dettaglio a cosa mi riferisco con l’aiuto delle citazioni.

Se il primo libro ci aveva “risparmiato” incontri con animali selvatici, il secondo vede l’incontro ravvicinato di Ty con un bell’esemplare di puma.

Ty si sentì assalire dai brividi. Cercò di stringere il fucile, ma tremava in modo quasi incontrollato. C’era solo una cosa su quelle montagne che faceva le fusa, ed era estremamente rara.

“Com’è andata” chiese Earl.
Ty stava ancora cercando di riprendere fiato.
“Un puma ci ha attaccato,” rispose infine con voce sorpresa. “Se l’è mangiato.”
“Un puma?” fece Earl, scioccato.
“Sì,” rispose Ty, ancora incredulo. Sollevò la mano per rallentare il flusso di sangue alle ferite. Cominciava a fargli veramente male.
“Non credevo che ce ne fossero veramente,” commentò Earl, sorpreso.
“Non vedo l’ora di dirlo al WWF quando arriviamo a casa,” replicò Ty, lasciandosi cadere vicino al fuoco.

Il terzo libro forse perché ambientato su una nave da crociera non vede la presenza di animali pericolosi… anche se io mi sarei aspettata uno squalo da un momento all’altro!

Nel quarto libro abbiamo il racconto di Zane ai Sidewinder sull’incontro tra Ty e un cane.

“Senti,” lo interruppe di nuovo.
“Io gliel’ho detto che quel cane mi guardava in modo strano.”
Zane continuò la sua storia, narrandola bene e suscitando risate ai ragazzi e sguardi torvi da parte di Ty. In effetti era divertente da morire, e Nick immaginava la scena.Ty e il cane che finivano in una tinozza piena di schiuma a litigare su chi riuscisse a uscire per primo. Ovviamente aveva vinto il cane.

E giunti al quinto libro troviamo Ty con Smith & Wesson. E guai al primo che dice  che non sono animali selvatici! Di certo non sono dei gatti domestici. Diciamo che assomigliano al padrone! O no?

“Ohh, adesso sì che ragioniamo,” disse l’agente sgarbato, indicando i gatti. “Questi sì che sono cani da guardia, Zane. I migliori killer del mondo.”
“Se lo dici tu, Whiskas,” rispose Garrett con tono accondiscendente.

“All’ultimo estraneo che li ha toccati hanno dovuto mettere dei punti,” annunciò lui con nonchalance. “Dalla tempia al labbro.”

Cameron rimase a bocca aperta. Quegli stupidi gatti non si lasciavano toccare nemmeno da lui… Un attimo dopo,  Ty si era preso il gatto fra le braccia ed era di nuovo in piedi, reggendosi il felino sulla spalla, mentre gli grattata con dolcezza un orecchio.

All’inizio del sesto libro abbiamo ancora Smith & Wesson e poi troviamo altri due grossi gattoni: le tigri Barnum e Bailey!

I due pelosi gatti rossi erano sotto la “temporanea” custodia di Ty ma, per il disappunto di Zane, erano con loro ormai da mesi. Erano incredibilmente grossi e irritabili e sebbene sembrassero aver sviluppato una sorta di fedeltà e affetto per Ty, stavano invece cercando di uccidere Zane.

“Credevo che avessi chiuso la porta, ieri sera,” sussurrò Zane.
“L’ho fatto.”
“Oh, Gesù. Adesso sanno aprire le porte?”
Ty poteva ritenerli capaci di tanto.

Le unghie affondarono nella carne, trasformando il letto in un delirio di peli di gatto, lenzuola e agenti dell’FBI urlanti.

“Sei riuscito a vedere la tua tigre?”
Ty non poté trattenere una risata.
“Sono addomesticate, Zane. È fantastico. Voglio dire, non ne vorrei incontrare una al buio in montagna, ma quando sono nei recinti al sicuro sono come dei grossi gattini. Barnum si è persino alzaro sulle zampe posteriori e mi ha abbracciato.”
Zane scosse la testa. “Mi rifiuto di vivere con altri gatti malvagi. O loro o me.

Com’è possibile che tu possa amare tanto i gatti quando odi ogni altro animale?”
Ty si accigliò. “Non odio tutti gli animali.”
“Cavalli. Cani. Scoiattoli.”
“Sono irrequieti, Zane. E gli scoiattoli hanno gli occhi sfuggenti.”
“Le falene?”
“Hanno schemi di voli erratici!”

“È vivo. È…” Zane trattenne il fiato, azzardandosi appena a sperare.
“Credo che stia grattando il naso della tigre.”
“Cosa?” chiese Annie tra i singhiozzi silenziosi.
“Cazzo, sta facendo le coccole alla tigre.”

Ovvio che la tigre avrebbe seguito Ty per chilometri e chilometri. Era Ty. Attirava morte, disastri ed eterna fedeltà come nessun altro.

Nel sette e nell’otto nessun incontro inquietante con gli animali. E il nove? Aspettiamo il 20 novembre per scoprirlo!

 Calendario del Goodbye Party

8 Novembre
Presentazione della serie – Piume di Carta
Videolettura 1° romanzo – Testa e piedi tra le pagine di un libro
9 Novembre
“Cosa vuol dire essere fan della serie” + Schede protagonisti – Feel The Book
Videolettura 2° romanzo – Testa e piedi tra le pagine di un libro
10 Novembre
10 buoni motivi per amare Ty e Zane – Love Is All Around
Videolettura 3° romanzo – Testa e piedi tra le pagine di un libro
13 Novembre
Videolettura 4° romanzo – Testa e piedi tra le pagine di un libro
14 Novembre
I momenti più belli della loro storia d’amore – M/M e Dintorni
Videolettura 5° romanzo – Testa e piedi tra le pagine di un libro
15 Novembre
Le stranezze di Ty: dalle magliette agli animali selvatici – Emozioni fra le pagine
Videolettura 6° romanzo – Testa e piedi tra le pagine di un libro
16 Novembre
Quiz: “Sei più simile a Ty o Zane?” – M/M e Dintorni
Videolettura 7° romanzo – Testa e piedi tra le pagine di un libro
17 Novembre
Recensione degli otto libri -Letture Sale & Pepe
Videolettura 8° romanzo – Testa e piedi tra le pagine di un libro

Giveaway

Per partecipare al Giveaway e provare a vincere una copia digitale del romanzo “Fuoco e Fiamme” dovete solo seguire i punti qui sotto!

Regole obbligatorie:
– Compilare il form qui sotto inserendo l’indirizzo e-mail per essere contattati in caso di vittoria E mettere “mi piace” alle pagine Facebook di tutti i blog partecipanti e di Triskell Edizioni (link all’interno del form).

Facoltativo per ottenere punti extra:
– Condividere ogni giorno la tappa della giornata in modalità pubblica su uno o più social di vostro gradimento e inserire il link nell’apposito spazio del form.

Il giveaway termina il 17 Novembre e potrete scoprire il nome del vincitore il giorno successivo direttamente dal form qui sotto. Tenete d’occhio anche la vostra mail.

Ecco il link per il form:

http://www.rafflecopter.com/rafl/display/37b7d0714/

Ovviamente effettueremo tutti i controlli del caso e chi non rispetterà le regole verrà escluso dall’estrazione finale!

Estratto: Guns n’ Boys – Istinto omicida di K.A. Merikan

Avete gia letto Guns n’Boys: Istinto omicida? No?
Ecco per voi un estratto tratto dal secondo capitolo per incuriosirvi!
Grazie alle autrici K.A. Merikan per la gentile concessione.

Estratto da capitolo 2 – Guns n’ Boys Istinto Omicida

Ci fu un pesante tonfo alle sue spalle, e il suo cuore batteva tanto all’impazzata che quasi dimenticò del dolore lancinante alle palle quando sentì la voce di Domenico.
“Cos’è questo casino?”
Peter balzò in piedi. “È sveglio.”
Seth lasciò cadere il cellulare di Neil e riuscì a sfuggire alla sua presa per andare da Dom. Lo avrebbe baciato e abbracciato se non fosse stato che non voleva creare altri casini con Neil.
“Dom, dovresti restare a letto,” disse, respirando a malapena per la tensione.
Domenico non si era solo alzato, stava anche camminando. Anche con le bende che gli coprivano il volto, aveva un aspetto fantastico rispetto a poche ore prima, quando era solo un peso morto sul cuscino.
Domenico sbatté le palpebre, ispezionando la stanza con i suoi splendidi occhi. Aveva aperto la bocca per parlare quando Neil li raggiunse sulla soglia. “E questo chi è, eh? Un altro dei tuoi amanti? Ne ha proprio l’aspetto. Cos’ha fatto? Ha messo troppo sale nella tua cazzo di minestra?” chiese a Seth, indicando le bende sulla faccia di Dom.
“Cristo, no! È questo che pensi di me? Ho un caratteraccio, ma andiamo. E questo è mio fratello, se proprio vuoi saperlo.” Seth si avvicinò a Dom, che indossava solo un paio di pantaloni ampi del pigiama. Lo guardò intensamente negli occhi, ma era sicuro che Dom gli avrebbe retto il gioco e avrebbe chiesto i dettagli più tardi. “Ha fatto un incidente, quindi avevo bisogno dell’aiuto di Peter.”
Neil si accigliò. “Ah, sì? Cosa gli è successo? È stato investito da un tosaerba?”
Domenico imitò la sua espressione da sotto le bende ma non disse niente, appoggiandosi allo stipite, probabilmente dolorante. Seth riusciva a malapena a guardare. Ma no, Neil tornò a dare fiato alla bocca.
“Sì, immagino che sia successo quando questo fottuto macho, di quella tua fottuta famiglia super conservatrice, ha scoperto che suo fratello è un gran frocio. Sai che ha anche un tanga, vero?” disse, rivolto a Domenico.
Seth inspirò con un sibilo e gli diede uno spintone. “Me l’ha regalato Robert per scherzo, imbecille!” Si voltò verso Dom. “Non stare a sentire questo cretino. Non mi sono mai messo un tanga!”
Seth capì che era stata la cosa sbagliata da dire quando gli occhi di Neil parvero incendiarsi. “Probabilmente te lo sei messo solo per Robert quando te lo scopavi alle spalle di Peter,” ringhiò, prima di voltarsi di nuovo a guardare Domenico. “Perché tuo fratello è quel tipo di frocio! Spero che mamma e papà ne siano orgogliosi.”
Seth si accigliò. “Almeno non metto un fottuta fedora. Peter, per favore, tienilo al guinzaglio. Devo rimettere Dom a letto.” Passò delicatamente il braccio sotto quello di Dom per riportarlo al sicuro. Domenico doveva essere sotto shock, perché non sarebbe mai rimasto così silenzioso davanti agli insopportabili strilli di Neil.
“Adesso chiamo Jamie,” annunciò Neil, come se il presidente in persona stesse aspettando sulla soglia.
“È l’ultima persona di cui abbiamo bisogno,” ringhiò Peter, dal divanetto.
“Basta che non chiami la polizia, poi per me puoi anche chiamare Babbo Natale.” Seth scosse la testa, accompagnando Dom verso la camera da letto.
Domenico gli si era aggrappato con tanta forza che Seth doveva praticamente sorreggerlo ogni volta che doveva appoggiare il peso sulla gamba ferita. “Chi è Jamie?” mormorò Domenico.
Seth gli avrebbe detto senz’altro chi era Jamie, appena fossero stati dietro una porta chiusa. Entrarono nella camera e Seth aiutò Dom a sedersi sul letto. Il pallore della sua pelle non era un buon segno, ma se non altro si era svegliato completamente.
“Partendo dall’inizio…” Seth trasse un respiro profondo. “È arrivato Neil. Uno stupido stronzo, litigioso e bugiardo. Non credere a una sola parola che gli esce dalla bocca. Non è stato invitato, ma probabilmente ha obbligato Peter a farlo entrare con il suo stupido caffelatte alla zucca. Dice di essere qui per aiutarlo, ma lo conosco troppo bene! Vuole solo qualcosa di nuovo su cui spettegolare. E suo marito?” Seth iniziò a marciare avanti e indietro. “È altrettanto coglione e non riconoscerebbe una buona pizza neanche se gliela tirassero in faccia. Comunque, lavora in un negozio di Abercrombie, il che è tutto dire.” Guardò Dom, sperando che stesse capendo tutto, e che presto avrebbe escogitato un piano per risolvere tutte quelle stronzate.
Domenico lo fissò. “E tu, invece? Mio fratello?”
“Io, cosa?” replicò Seth. “Ho ritirato i passaporti dall’Elefante. Quel tizio è fuori di testa.”
Domenico strinse le labbra. I suoi occhi ambrati erano sgranati da far paura. “Io… mi sono svegliato qui, e non… non so. Cosa mi è successo?” sussurrò.
Seth smise di fare avanti e indietro e lo osservò con attenzione. Il modo in cui parlava non era da lui. “Qual è l’ultima cosa che ricordi?” chiese, accovacciandosi davanti a Dom.
Domenico dilatò le narici. “Penso di dover andare all’ospedale,” disse, molto piano. Fu come se un buco nero si aprisse sotto i piedi di Seth e iniziasse a risucchiarlo.
“No, no, no. Stai migliorando, Dom. Peter ti ha ricucito la faccia, e quella alla gamba è solo una ferita superficiale. L’ha detto Peter. Va tutto bene.” Gli diede una leggera pacca sul braccio.
Domenico posò lentamente la mano sulla sua. “Io… ma la mia testa è un barattolo vuoto. Non so nemmeno il tuo nome. Ho fatto un incidente?”
Il cuore di Seth gli sprofondò nel petto. “S-sono Seth…” mormorò, guardando Dom negli occhi. Non poteva succedere. Non a Dom, non adesso. “Te… te lo ricorderai. Sono sicuro che ti tornerà tutto in mente alla svelta,” disse ma, dentro, stava gridando “Non si ricorda di te!” Tanto valeva che Seth fosse davvero il fratello di Dom, se Dom non ricordava chi era, cos’avevano passato insieme.