Archivi

Emozioni & Monica : Piccoli pensieri su Monica Lombardi

Emozioni & Monica Lombardi 

 

 


Ho amato jet e la sua evoluzione, la sua storia e come è nato il rapporto con nicky anche se abbiamo in mente due jet diversi…. che dire il team l’ho divorato dal primo all’ultimo….

 

 

 

Non sono brava in queste cose ma ci provo.
La serie GD lo amata molto, i suoi personaggi, gli intrighi e soprattutto gli amori che ne sono nati Jet e in assoluto il mio personaggio preferito, ma anche gli altri non sono da meno, per fare una serie con sette libri ci vuole testa, e molta inventiva, e stata brava però leggendo le serie Stardust posso dire che Monica è una grande ,non solo questa serie mi conquistata e letteralmente rapita sopratutto nel mischiare fantasy e suspense lì è stata veramente strepitosa e non vedo l’ora di leggere il prossimo libro.
Anche se l’avrei strozzata alla fine di Memory War.

 

 

 

 

Come ben sai Ziza, la mia serie preferita invece è quella di Mike Summers che mi era stata consigliata da una blogger anni fa e da allora li ho rieletti almeno 3 o 4 volte.

La cosa che mi ha colpito molto è come sia riuscita a intrecciare la parte romantica con la parte suspense. Secondo me non è proprio una cosa facile da fare, soprattutto perché si tende sempre a dare più risalto a una o all’altra parte. (Spero di essermi spiegata)

 

 

Fantastica ,increbile leggi i suoi libri e sogni ad occhi aperti . Mi sono innamorata con Sam un libro romance molto bello poi sono impazzita con il team poi quando pensi di aver capito.. lei ti sorprende e crea due serie incredili e diverse tra loro mi riferisco a Stardust & Schegge .
Chissà cosa ci riserverà in futuro….
Grazie Monica continua a farmi sognare con le tue storie meravigliose.

 

Fin dal primo libro ho capito di essermi trovata di fronte ad un’ottima scrittrice. Non si può non essere avvinti dalle trame, che mi tengono incatenata fino all’ultima pagina, in frenetica attesa dell’irrinunciabile seguito e affascinata dai personaggi partoriti dalla fertile mente di Monica; ma per me, e in questo sono di parte a causa della professione che esercito, ha toccato veramente un punto molto alto della narrativa con i suoi ultimi romanzi, Schegge di verità e Schegge di ricordi; due romanzi che con le loro storie, hanno stimolato il mio lato professionale. Come in ogni libro di Monica Lombardi, ogni aspetto è approfondito in maniera precisa e dettagliata, ma particolarmente in questi due lavori che ho citato, le tematiche e le dinamiche psicologiche dei personaggi sono tracciate in maniera puntuale e competente. Non è facile scrivere di un percorso di rinascita psicologica all’interno di un trauma così profondo come quello che hanno subito le protagoniste, Giulia e Livia, rapite mentre tornavano a casa da una serata che avevano trascorso insieme. Eppure Monica riesce a delineare in maniera così netta e precisa un percorso interno che inevitabilmente, superando il limite della parola scritta, ci fa immedesimare in Livia e Giulia e nei meandri della loro psiche così terribilmente violata. Che dire, un immenso “bravissima” a questa scrittrice che attribuisce sicuramente lustro alla narrativa italiana. Grazie Monica per ogni fantastico personaggio che hai portato nei nostri sogni e grazie per questa storia così curata nei dettagli, dal ritmo incalzante, agile e avvincente.

 

 

Annunci

Tempo di libri : Monica Lombardi & AmazonPublishing

 

Monica & Alessandra Tavella

Il luogo è ben noto a tutti, siamo nel polo fieristico di Rho, per “Tempo di libri” noi di emozioni fra le pagine siamo lì e dove ci sono libri, ci siamo anche noi.
Nella sala messa a disposizione per Amazon le sedie sono tutte occupate, semplici lettori e blogger di tutto il mondo dei libri made in Italia sono lì.
Monica è seduta sulla poltrona e attende le domande che le verranno fatte, bella anzi bellissima, solare sorridente, Monica in tutto e per tutto.
La padrona di casa per Amazon Publishing è Alessandra.

Sarà lei in parte la voce del pubblico e poi passerà la palla agli spettatori attenti.

 

Domande semplici ma d’effetto per la nostra regina delle serie.

Ma entriamo nell’universo di Monica Lombardi, nella sua testa e in quel meraviglioso mondo da lei creato.

 

Parla dei personaggi delle sue serie, ci immergiamo nel mondo adrenalinico di Mike Summers, del GD team nel mondo cerebrale di Schegge, di come questi personaggi hanno una vita propria e di come le sussurrano all’orecchio la scena successiva.
Monica parla ed incanta, parte tutto da una idea e quei personaggi nati da una mente geniale diventano talmente tanto reali da strabordare, ed ecco come nascono le sue serie, personaggi talmente di carattere che non riescono a stare all’interno delle pagine di un solo libro.
Monica racconta che, man mano che scrive sono i suoi stessi personaggi ad evolversi e lei segue queste evoluzioni. Secondo Monica il segreto sono la costanza, la perseveranza, vena creativa e tanta coerenza per essere credibili agli occhi dei lettori. Una serie termina quando i personaggi non hanno più niente da dire e noi sappiamo che i personaggi di Monica hanno sempre tanto da dire. Per ogni libro che scrive c’è sempre di più da sapere.
Monica spiega anche di come “visualizza” i suoi avvincenti romanzi.
Sotto come un set cinematografico la luce dei riflettori illumina lo scenario del libro che sta creando e si plasma parola dopo parola, finito un libro, click, le luci si spengono pronte per accendersi su un altro set.

Ciak azione! Si gira e via attraverso le parole di Monica noi viviamo le avventure di tutti i suoi complessi, completi e forti personaggi, senza mai trascurare il “cattivo” perché si sa, un buon cattivo riesce a fare emergere il protagonista e i cattivi hanno il loro fascino.
Nell’ultimo romanzo la nostra signora delle serie ci parla di un re bianco e un re nero, un buono e un cattivo, ma con delle sfaccettature che sicuramente avvolgeranno le lettrici e i lettori anche perché Monica si è divertita scrivendo di questi due re.

 

E noi lettrici sappiamo bene che, se una scrittrice si diverte a scrivere, noi suderemo sette camicie nel leggere, ma ne sarà valsa la pena!

Primo panel: Serial books, moderato da Alessandra Tavella con Federico Maria Rivalta, Maria Luisa Minarelli e Paolo Roversi

Perché si sa, Monica Lombardi incanta, e lo fa col suo modo di parlare, incanta quando descrive i suoi personaggi perché i suoi occhi brillano e incanta quando leggiamo i suoi romanzi.

Monica Lombardi è lì, in tutto il suo essere, in tutta la sua essenza.

Editing :

 

Intervista : Schegge di verità – Quattro chiacchiere con Monica Lombardi

intervista1

Schegge di verità  : Quattro chiacchiere con Monica Lombardi

1) Dove hai preso l’ispirazione per scrivere Schegge ?
Ero in Valchiavenna a casa di un’amica, con i nostri figli. La casa è proprio al limitare del bosco dove si possono ammirare le cascate dell’Acqua Fraggia. Siamo andate a camminare nel bosco con i ragazzi, fino a un laghetto con gli alberi da un lato e un poggio erboso dall’altro, e un agriturismo non lontano. A un certo punto, durante la passeggiata, mi sono immaginata una donna in fuga. Da che cosa fuggiva? Non lo sapevo. E se non l’avesse saputo neanche lei? Ecco, così è nata l’idea di Schegge di verità. E il laghetto è quello che descrivo nel romanzo, anche se l’ho “spostato” più a sud, vicino a Lecco.
2) Come mai una scrittrice italiana, che già firma i suoi libri con il proprio nome, decide di ambientare una storia nel nostro paese in un momento in cui nell’editoria sembra dilagare tutto ciò che è “straniero”?
Qui dobbiamo considerare due aspetti diversi. Se parliamo di firma dell’autore, il nome straniero ispira sempre più fiducia tra il pubblico di casa nostra, forse solo perché pensiamo che, se è stato tradotto, significa che è già piaciuto in patria, è un po’ come se arrivasse da noi già con delle “referenze”. L’autore italiano questa fiducia se la deve guadagnare. Se invece parliamo di location, difendo il diritto di un autore di poter ambientare le sue storie dove vuole. Se un autore può spostarsi nel tempo, visitando il passato o il futuro (viaggio che nella realtà non potrà mai fare), non vedo perché non dovrebbe potersi spostare nello spazio (un viaggio che nella realtà può fare senza problemi). Non ambienterei mai una storia in un paese che non conosco per nulla ma lavoro spesso con degli stranieri e amo viaggiare: mi piace riproporre i luoghi che ho visitato o che sento di conoscere per interposta persona nei miei romanzi. Il GD Team, per esempio, è una serie che si sposta molto. Questa storia in particolare, però, è nata in Italia, come ho raccontato sopra. Mi è venuto naturale mantenere l’ambientazione italiana, che era “la sua”.
3) Mentre scrivi sei tu che “guidi” la storia o sono i tuoi personaggi che prendono il sopravvento e tu non può fare altro che assecondarli?
Succedono entrambe le cose. La trama è spesso un puzzle che costruisco io e su cui mantengo uno stretto controllo, è necessario quando costruisci trame a incastro come quelle che di solito trovate nei miei romanzi. Controllo non significa che non ami lasciarmi sorprendere, per esempio da svolte inaspettate della storia. Non pianifico tutto prima: ho una direzione e la seguo, godendomi il viaggio. Detto questo, mi piace anche dare spazio ai personaggi – e alcuni se ne prendono più degli altri! Nelle battute dei dialoghi, soprattutto, e nelle loro reazioni a ciò che accade. Più un personaggio è riuscito, più “parla” da solo.
4) Come ti trovi a pubblicare con una realtà editoriale come Amazon Publishing ?
Benissimo, e non lo dico per dire. Sono incredibilmente professionali, dei perfezionisti; sono una perfezionista anch’io quindi siamo sulla stessa lunghezza d’onda.

Ma questo non significa che ti trovi di fronte a una realtà impersonale, anzi: le persone con cui ho modo di lavorare, a partire dalla content editor Alessandra Tavella, la redazione, l’ufficio PR, sono tutte squisite a livello umano.

intervista25) Ci puoi dare qualche piccolo accenno a cosa stai lavorando in questo momento?
Credo proprio di sì, visto che ne ho parlato anche sul mio gruppo, su Facebook. Hard Landing, il quarto romanzo del GD Team, è uscito a settembre e, come ho scritto nella nota in fondo al testo, non sarà l’ultimo della serie. In questo momento sto lavorando al finale proprio di “Schegge 2”, come ho soprannominato il seguito di Schegge di verità. È una storia che mi sta regalando grandissime emozioni, in cui ritroverete molti dei personaggi del primo romanzo e ne incontrerete di nuovi. Spero che li amerete come li sto amando io.
6) Scrivere, lavoro e famiglia come riesci a conciliare il tutto?
È un macello, posso dirlo? LOL Io lavoro come free lance, quindi posso ritagliarmi più spazi rispetto a qualcuno che deve attenersi a orari d’ufficio. La famiglia è un altro discorso. Ho due figli adolescenti, e loro non hanno alcun tipo di orario – sono convinta che “mamma” sia la parola più usata in ogni lingua, non siete d’accordo? Sono orgogliosi di avere una madre che scrive, però, questo è molto bello. Per riuscire a fare tutto serve determinazione e tanta, tanta passione. Perché “amare è potere”, non è una frase mia ma di Geoffrey de Peyrac. Detto questo, poter contare sull’aiuto dei nonni non guasta 😉

Spazio Autori SalTo 16 : Evento AmazonPublishing

La parola al femminile : sguardi diversi sui sentimenti

Spazio autori : Sabato 14 Maggio ore 15.30

Moderatrice dell’ incontro Alessandra Tavella

parteciperanno all’incontro Daniela Grandi , Monica Lombardi ,Marta Savarino autrici AmazonPublishing

 

amazon cover

savarino 1

Titolo: Tutta colpa del tè
Autore: Marta Savarino
Casa editrice: AmazonPublishing 
Genere: Romance contenporaneo 
Prezzo: €  4,99/cartaceo € 9.99
Formato: ebook /cartaceo
Data di uscita: 1 Dicembre 2015
Trama
Luisa parte per la Scozia. È stata abbandonata dal compagno alla nascita della loro figlia. È delusa, affranta e arrabbiata, ma è decisa a reagire per amore della piccola Viola.
Accolta dalla famiglia di origine, ritrova se stessa dedicandosi alla sua più grande passione, la cucina. Adesso è lo chef nell’albergo dei genitori. Le giornate scozzesi fredde, lunghe e assolate si susseguono tranquille, e l’allegria torna. La frizzante personalità di Luisa rivive con la piccola Viola e i nipoti. Nella vita di Luisa non c’è più posto per un altro uomo.
L’arrivo di David Alexander Hamilton, il nuovo giardiniere dell’albergo, bellissimo, affascinante e sensuale, romperà questo proposito. Il risveglio dei sensi di Luisa sarà turbato dal tormento di un doloroso segreto celato dall’uomo.
 daniela 1
Titolo: E’ una specie di magia
Autore: Daniela Grandi
Casa editrice: AmazonPublishing 
Genere:  chick lit 
Prezzo: €  4,99 ebook/ cartaceo € 9.99
Formato: ebook /cartaceo
Data di uscita: 29  Marzo 2016
Trama
Cosa fareste se un fulmine a ciel sereno vi riportasse indietro nel tempo, nella Kind of Magic dei vostri anni ’80?
Lucia e Sandra, amiche ancora oggi come ai tempi del liceo, hanno l’occasione di sperimentare questa “specie di magia”.
Dentro sono ancora le stesse donne di prima (o di dopo?), ma fuori si ritrovano con i loro corpi di diciottenni, le pettinature assurde, i vestiti improbabili, e poi c’è la loro vita del 1984: i genitori ancora giovani, le mattinate a scuola, con i grandi amori in agguato tra i banchi, gli amici dimenticati, le battute esilaranti, la voglia di prendersi in giro, la leggerezza.
Ma tornare indietro nel tempo potrebbe anche essere un modo per costruire un nuovo futuro: riusciranno a salvare Freddie Mercury? Ad aiutare vecchi amici a fare le scelte giuste anche contro i tabù del tempo? A far vedere a tutti quei semi che poi germoglieranno in problemi globali? O, più semplicemente, tornare ad avere diciott’anni potrà riportare un po’ di quella magia nella loro vita di oggi?

Cover originale

 

Titolo: Schegge di verità
Autore: Monica Lombardi
Genere: Thriller
Editore: AmazonPublishing
Pagine: 350
Prezzo: € 4.99 ebook
Uscita: 28 Giugno 2016

 

 

 

Trama

Qualsiasi cosa per riaverla. Qualsiasi cosa per riaverle entrambe.

Due donne, due amiche, Giulia e Livia, rapite una sera di novembre mentre tornano dal cinema. Una delle due riesce a fuggire, ma non ricorda nulla, né del rapimento né del suo passato. Il suo aiuto potrebbe essere determinante per la polizia, se solo riuscisse a mettere insieme le schegge di verità che come lampi le attraversano la mente. Il volto che però vede nello specchio continua a esserle del tutto estraneo.

Le indagini possono dunque partire solo dal bosco, teatro della fuga, e dalla spessa nebbia che blocca la sua memoria. A guidarle è il commissario Emilio Arco, con l’aiuto di Ilaria Benni, una sensitiva in grado di percepire la paura delle persone, e di uno psichiatra, coinvolto per motivi che oltrepassano la sfera professionale.

Monica Lombardi tesse con maestria una tela investigativa ricca di colpi di scena, in un giallo psicologico che scava negli abissi della mente umana.

Alcune copie firmate di Schegge di paura  saranno disponibili gratuitamente all’evento.

 

 

EmmaBooks al SalTo 16 : Un evento sul rosa

emma 3

 

 

Sempre fedeli al motto  “il rosa che non ti aspetti” EmmaBooks vi dà appuntamento anche quest’anno al Salone Internazionale del Libro di Torino .

Venerdì 13 Maggio alle ore 13  Padiglione 1 Stand C38-D37.

Moderatrice dell’incontro Maria Paola Romeo in compagnia delle fantastiche “Signore di Emma”

cover emma 1

 

 

Donne meravigliose che con i loro libri danno un tocco di colore ,al grigio della routine quotidiana.

Silvia Ami, Rossella Calabrò, Valeria Corciolani, Paola Gianinetto, Viviana Giorgi, Sabrina Grementieri, Monica Lombardi, Roberta Marasco, Adele Vieri Castellano.

Vi aspettano non mancate …………..

 

Intervista: la scrittrice Francesca Pace si racconta ai lettori di Emozioni fra le pagine

12002607_10206433541590644_5243377797909491830_o

Sunshine: Ciao Francesca e grazie di essere qui con noi e i nostri utenti.

1. Parlaci un po’ di te. Quando è nata la passione per la scrittura?
Ciao a te, sono io che ti ringrazio per questo spazio. Sono molto felice di essere ospite tua e del vostro blog.
La passione per la scrittura è nata come una necessità quando ero ancora ragazzina. Ero molto chiusa e non parlavo mai delle mie cose e mia madre, mossa dalla disperazione, mi regalò un diario. Avevo 11 anni. La sua speranza era che io trovassi un modo per tirare fuori quanto avevo dentro. Non si sbagliò. Tengo diari da quel dí, lo faccio ancora oggi anche se non con frequenza giornaliera. Iniziai ad annotare pensieri, paure, desideri. Presto quel luogo di confidenze diventò un mondo fantastico, un angolino nel quale mi rifugiavo e vivevo mille avventure. Il diario divenne un blocco di appunti per racconti e romanzi e poesie che non hanno mai visto la luce fino alla pubblicazione di “Emma”.

2. Devo ammettere che non ho ancora letto un tuo libro, così quando ci siamo sentite per questa intervista sono andata su Goodreads per informarmi un po’ e ho visto che scrivi urban fantasy. Cosa ti piace di questo genere?
Ti permette molto sul piano della fantasia. Puoi creare il mondo che vuoi, i personaggi che desideri. Ti concede l’enorme possibilità di vivere mille vite.
Ci tengo a sottolineare che, in verità, il tocco fantasy è il condimento pepato ad una storia che affronta il tema della crescita e del cambiamento di Emma che, affrontando i guai a cui la vita la obbliga, diverrà una donna forte e determinata.

3. Hai mai pensato di cimentarti con qualcos’altro?
In realtà l’ho fatto. Io scrivo poesie e ho partecipato a un’antologia con un racconto contemporaneo. Tra l’altro il racconto che si intitola “Ricomincio da” uscirà nella sua versione integrale a ottobre. Per le poesie dobbiamo aspettare che io abbia il coraggio di esporre una così intima parte, ma sono lì e sono pronte. Ammiccano pazienti!

4. Tu sei un’autrice che si pubblica in self. Parlaci di questa esperienza.
Appena ho deciso di pubblicare, come molti prima di me, ho fatto un giro di CE. Con sincerità ti dico di aver ricevuto un buon numero di proposte editoriali che, però, non facevano mai il “bene” dell’autore. Ho deciso, quindi, di tentare la via del self consapevole. Io adoro autogestirmi e i risultati in termini di vendita e di visibilità sono stati straordinari. Non mi aspettavo un tale ritorno e ne sono felicissima. Certo, il lavoro che c’è dietro è enorme e io mi avvalgo di editor e grafici, ma la libertà che ti dà lavorare in questo modo è impagabile.

5. Ho notato che tutti i tuoi libri sono in vendita a 0,99 euro, eppure sono lavori ben sostanziosi per cui avrai speso mesi di lavoro. Emma, ad esempio, sono ben 468 pagine. Qual è stato il tuo ragionamento dietro la scelta del prezzo?
Quello non è il loro prezzo di copertina. Ora tutta la Saga è in promozione a 0,99 cent. Solitamente il prezzo è di 2,99 cent. Credo che questo sia un prezzo onesto per un ebook che, in questo modo, è accessibile a tutti. I romanzi vengono scritti per essere letti… Anche le versioni estere hanno un prezzo che ruota intorno a queste cifre.

6. Hai mai pensato di pubblicare con una Ce?
Certo!!!!! È il sogno di tutti noi che scriviamo. A oggi, però, con la consapevolezza che ho raggiunto in quest’avventura e con i mezzi e i risultati che ho, sono divenuta molto selettiva. Insomma, parliamoci schiettamente, una piccola o media CE non potrebbe garantirmi nulla di più di quanto io già faccia, ma se venisse un colosso editoriale accetterei al volo, hahahahha….

7. La scelta di una cover incide sull’acquisto di un libro. Un lettore per prima cosa viene attirato dalla cover e poi probabilmente andrà a leggere la trama. Giusto l’altro giorno ho preso un libro senza nemmeno leggere la trama perché la cover mi aveva colpito molto. Cosa ne pensi? Hai una grafica di fiducia che le crea?
Sono pienamente in accordo con te. Spesso anche io acquisto perché ammaliata dalla cover. Ho un grafico di fiducia che ha curato tutte le cover della Saga, e proprio in questi giorni, con l’occasione dell’uscita estera, è partito un nuovo progetto grafico. Le cover saranno ricreate da un’illustratrice, Livia De Simone, con la quale abbiamo intenzione di pubblicare un romanzo illustrato in primavera.

8. Ci sono scrittori che quando scrivono hanno bisogno di assoluto silenzio e tranquillità e altri che lo fanno ascoltando la musica. Tu in quale categoria rientri?
Decisamente la seconda. Io ascolto metal, death metal o epico… dipende dal brano che sto scrivendo. Edito, in realtà, in assoluto silenzio.
In fase creativa, la musica mi permette di vivere sensazioni immaginifiche evocando scene e sensazioni che poi io trascrivo.

9. Diamo l’opportunità ai lettori di conoscere i tuoi lavori. Parlaci dei tuoi libri e dacci qualche anticipazione sulle prossime pubblicazioni.
La saga racconta la storia di EMMA, una ragazza semplice dall’inconsapevole fascino magnetico. Rimasta orfana giovanissima, vive la sua esistenza con affianco la sua migliore amica Serena, una ragazza solare ed estroversa che la supporta e la aiuta nelle difficoltà e gode con lei dei successi.
Nulla è come sembra in realtà e con il dipanarsi dell’intreccio Serena svelerà la sua vera natura, quella di potente strega affiancata alla ragazza per difenderla. La vita di Emma, tranquilla, al confine dell’invisibilità, verrà sconvolta da un cambiamento radicale e improvviso che la catapulterà nel complesso e violento mondo di streghe e vampiri. Un’inaspettata e travagliata transizione ne muterà in modo definitivo la natura e l’essenza trasformandola in un essere sovrannaturale mai esistito prima. In Emma prenderanno vita le due nature che la compongono e caratterizzano che, tenute sopite per anni sgomiteranno tra loro fino a trovare un equilibrio. La ragazza scoprirà di essere un ibrido, per metà strega e per metà vampiro. In questo cambiamento, che accompagnerà anche una maturazione caratteriale, Emma capirà, anche, che la sua vita era destinata a questo mondo fantastico e che i suoi più cari amici ne facevano parte da sempre. Quando la straordinaria ragazza, accompagnata dai suoi amici di sempre e da un nuovo e viscerale amore, si troverà ad affrontare con coraggio la sua nuova vita imparando ad amarla e ad amare se stessa come mai prima, scoprirà di possedere uno sconfinato ed incontrastabile potere. È, questa, una appassionante e intensa storia di amicizia, fratellanza e amore.
I personaggi crescono e mutano al mutare degli eventi e prendono spessore man mano che l’intreccio si infittisce.
Tornano le caratteristiche tipiche del romanzo per ragazzi, giovani, adulti e uomini e donne che hanno ancora voglia di fantasticare. Tornano, infatti, i legami di amicizia saldi e indissolubili al di là della morte e l’amore puro e combattuto, all’inizio.
La nota di colore la dà proprio la protagonista principale, Emma, una giovane donna solida e concreta che di fronte alle difficoltà della vita si è sempre bastata e che ora, dopo la sua transizione, si trova non solo a salvare se stessa ma anche i suoi amici. Insomma una moderna principessa che non aspetta chiusa nella torre che il bel cavaliere la salvi dal drago, ma che, insieme ai suoi affetti più cari, sfonda le porte di quella torre regalandosi la libertà.
Seppure il personaggio di forza sia Emma, il racconto è corale e tutti gli altri personaggi hanno importanza e valore nella crescita della protagonista e nello svolgimento della storia.
Per tanto, seppure il tema si direbbe ampiamente trattato, vi invito a prendere in esame la lettura dell’opera così come è stata immaginata… una bella storia di amicizia e amore in cui i buoni non sempre vincono ma spesso pareggiano e a volte, loro malgrado, perdono.
L’evoluzione della storia si respira anche nel cambio di stile e registro. Da “Emma” a “Vincolo di sangue” passando per “Gabriel. Il sigillo della tredicesima runa” le ambientazioni diventano maggiormente dark e i sentimenti confusi e travagliati. Emma dovrà affrontare le sue paure e il suo lato oscuro per vincere una battaglia che sembra interminabile.
Mentre aspetto che il quarto e ultimo capitolo della saga prenda vita, sto realizzando un libro di cucina in collaborazione con un’altra autrice, nel quale verranno trattate le erbe magiche sia come spezie che come componenti di incantesimi o, come li chiamo io, intrugli magici.
In più sto lavorando a uno spin off e ad un nuovo romanzo che è ancora tutto nella mia testa.

10. Da lettrice cosa piace leggere a Francesca?
Io leggo di ogni. Sono una lettrice curiosa, e sbircio di tutto. La scelta del genere, comunque, è molto legata la mio umore del momento. Ora, per questioni lavorative, sto dedicando molto tempo alla lettura di esordienti italiani e la cosa mi diletta e mi piace.
Molte giovani e talentuose penne animano il panorama letterario nostrano.

Sunshine: È ora dei saluti. Grazie mille Francesca per essere stata qui a Emozioni fra le pagine e tanti auguri per la tua carriera di scrittrice.
Francesca: Grazie a voi per avermi ospitata, è stato un vero piacere!

A cuore aperto di Lily Carpenetti

A inaugurare il primo appuntamento con la sezione Spazio Autori Italiani abbiamo la scrittrice Lily Carpenetti che gentilmente ha offerto al nostro blog il suo racconto m/mA cuore aperto”.

Per dare la possibilità ai lettori di leggere il racconto su qualsiasi dispositivo abbiamo creato l’ebook nei formati pdf, mobi ed epub.

Ci auguriamo che questa nuova iniziativa piaccia a voi lettori e speriamo che questa sezione cresca presto, anche grazie a scrittori e scrittrici come Lily Carpenetti.

Per avere l’ebook nel formato che desiderate vi basterà cliccare su uno dei link qui sotto.

Buona lettura!

11159965_708595775917629_5947125434052108725_n

A cuore aperto pdf – Lily Carpenetti

https://drive.google.com/file/d/0B28X7vTPGr5PRHM5MkxvdkxlMGs/view?usp=sharing

A cuore aperto mobi – Lily Carpenetti

https://drive.google.com/file/d/0B28X7vTPGr5PVW12SHZuQ2FGX0k/view?usp=sharing

A cuore aperto epub – Lily Carpenetti

https://drive.google.com/file/d/0B28X7vTPGr5PZzgwb3pVQm9vekk/view?usp=sharing