Archivio tag | M/M

Recensione: Morte di un re pirata di Josh Lanyon

image

Titolo: Morte di un re pirata
Titolo originale: Death of a Pirate King
Serie: Adrien English #4
Autore: Josh Lanyon
Traduttrice: Chiara Messina
Casa editrice: Triskell edizioni (Rainbow)
Genere: Mystery, m/m
Pagine: 278
Prezzo: € 5,99
Data di uscita: 29 luglio 2016

Trama

Quarto capitolo dell’acclamata serie Adrien English, nata dalla penna del pluripremiato autore Josh Lanyon.
La carriera di scrittore di Adrien English, libraio gay e investigatore dilettante, è sul punto di decollare. I diritti del suo primo romanzo, Il delitto sarà svelato, sono stati acquistati da Paul Kane, una celebre star del cinema. Ma quando l’omicidio fa il suo debutto a una cena hollywoodiana, a indagare sul caso viene chiamato proprio l’ex amante di Adrien, l’avvenente Jake Riordan, ora tenente della polizia di Los Angeles e più che mai determinato a tenere nascosta la propria omosessualità. La sua comparsa, però, rischia di spingere il nuovo compagno di Adrien, il fascinoso professore universitario Guy Snowden, a commettere a sua volta un omicidio…

Recensore
Sunshine

Giunti al quarto volume della serie, ci ritroviamo con un salto temporale in avanti di due anni.
Adrien non vede Jake da due anni, ora ha una relazione con Guy, conosciuto nel libro precedente, gli affari alla libreria vanno bene, tanto che ha deciso di ampliarla e il suo primo libro sta per essere trasformato in un film.
Sua madre si è risposata e lui ha acquisito tre meravigliose sorelle, anche se non è abituato a tutta la condivisione e a persone che si impicciano della sua vita.
È anche riuscito a non ritrovarsi coinvolto in omicidi e indagini… peccato che tutto questo stia per cambiare e tutto ciò riporterà anche Jake nella sua vita.
Adrien è cambiato in questo lasso di tempo: è più cinico, disilluso e più negativo. Ha eretto una barriera tra lui e chi cerca di volergli bene, primo fra tutti Guy, che vorrebbe fare passi avanti nella loro relazione, ma Adrien non lo permette.
Le vecchie ferite lasciate da Jake, che era convinto di fossero ormai cicatrizzate, in realtà si riaprono in un attimo, rimettendo tutto in discussione. Ma i problemi che c’erano allora ci sono ancora, anzi forse ancora di più ed Adrien non è disposto a scendere a patti di nuovo.
Jake sembra meno combattivo di un tempo, più disposto al dialogo e a contare fino a dieci prima di dire qualcosa. Nonostante ciò i battibecchi tra loro permangono.
Nel finale troviamo una svolta tra di loro ma non vi dirò se sarà positiva o negativa. Essa apre nuovi possibili scenari per il prossimo volume e sono curiosa di vedere come verranno trattati.
Libro che si legge tutto in un fiato, come tutti quelli di Lanyon. La storia ti cattura e la scrittura di Lanyon è sempre di ottima qualità.

Voto

5 stelle

Editing

Sirena

Annunci

Recensione: Per una causa comune di Andrew Grey

image

Titolo: Per una causa comune
Autore: Andrew Grey
Serie: Una buona causa (#2)
Traduttore: Ernesto Pavan
Casa editrice: Dreamspinner Press
Genere: m/m, contemporaneo
Formato: ebook
Pagine:181
Prezzo: $ 6,99
Data di uscita: 16 Agosto 2016

Trama

Bryce Morton ha bisogno di cambiare aria: dalla morte del suo compagno, avvenuta un anno prima, è diventato distante e taciturno. I suoi amici, Jerry Lincoln e Akecheta (John) Black Raven, lo convincono ad andare in campeggio con loro in una riserva Sioux. Anche se l’idea lo lascia perplesso, l’interesse di Bryce aumenta quando conosce Paytah, il proprietario dell’emporio del posto.

La vita di Paytah Stillwater è colma di sofferenza e l’unica cosa che gli rimane è l’orgoglio. Dopo essere stato abusato da bambino e aver visto la propria denuncia accolta con incredulità, si è chiuso in se stesso, ma non riesce a mettere una pietra sul passato, perché la causa del suo dolore sta ancora nella riserva. Paytah è orgoglioso delle tradizioni del suo popolo e custode attento del proprio cuore, ma quando Bryce compie un gesto di altruismo nei confronti di un bambino nativo, le mura che ha costruito attorno a sé cominciano a crollare.

Bryce e Paytah devono affrontare entrambi il dolore che si portano dentro. Quando colui che ha fatto del male a Paytah posa gli occhi su uno dei ragazzini della riserva, i due devono mettere da parte la propria lotta interiore. La ricerca di un modo per fermare quell’uomo li unisce in una causa comune e nel cammino verso un futuro insieme.

Recensore

Questo secondo volume della serie Una giusta causa mi ha molto colpito.
I due protagonisti hanno sofferto tanto nelle loro vite e sono come bloccati, senza riuscire ad andare avanti.
Bryce ha perso il suo compagno l’anno precedente per un tragico incidente e non riesce a lasciare andare la persona e la vita che avevano insieme. Lavora e poi si rintana in una casa piena di ricordi.
Payton ha subito violenza da ragazzino e ciò l’ha fatto chiudere in se stesso, tenendo tutto e tutti a distanza.
Sono due uomini che guariranno a vicenda il proprio dolore e la propria solitudine, ma questo libro è molto di più di ciò.
La vita, le tradizioni e le difficoltà del popolo nativo americano sono presenti a ogni pagina.
La storia d’amore, pur essendo la protagonista, lascia ampio spazio anche ai personaggi secondari, alcuni dei quali erano i protagonisti del primo volume, mentre altri sono introdotti in questo.
Inoltre Andrew Gray affronta un tema difficile come la pedofilia con tatto, delicatezza e rispetto.
Bryce e Paytah, non solo ricostruiranno le loro vite stando insieme, ma ridaranno speranza e dignità a un popolo che si è arreso.
Faranno in modo che giustizia sia fatta per Paytah e per molte altre persone e che nessuno possa fargli mai più del male.
È un libro scritto col cuore e questo traspare in ogni pagina.

Voto

Editing

Recensione: Un brivido nelle ossa di Jane Seville

image

Titolo: Un brivido nelle ossa
Titolo originale: Zero at the Bone
Autore: Jane Seville
Traduttori: Chiara Beltrami/ Raffaella Arnaldi
Casa editrice: Triskell edizioni ( Rainbow)
Genere: poliziesco / contemporaneo, m/m
Pagine: 455
Formato: pdf, epub, mobi
Prezzo: € 6,99
Data di uscita: 20 Giugno 2016

Trama

Dopo aver assistito a un delitto di mafia, il chirurgo Jack Francisco viene messo in custodia protettiva per tenerlo al sicuro fino al giorno in cui testimonierà.

Un killer, conosciuto solo come D, viene ricattato e obbligato a uccidere Jack, ma quando lo trova, la sua seppur stanca coscienza non gli permette di uccidere un uomo innocente.

I due trovano un improbabile alleato l’uno nell’altro, e ben presto si vedono costretti a dover scappare dai nemici che li attendono nell’ombra.

Obbligati a collaborare per sopravvivere, sviluppano un legame che si tramuta in una passione inaspettata. Jack vede l’anima ferita dietro la freddezza distaccata di D, e D trova in Jack la persona che può aiutarlo a tornare l’uomo che era una volta.
Mentre il giorno del processo si avvicina, Jack e D non solo si ritrovano a lottare per le loro vite… ma anche per il loro futuro.

Un futuro insieme.

Recensore
Sunshine

Avevo già sentito parlare positivamente di questo libro e sono contenta che sia stato tradotto.
Non avevo mai letto nulla di questa autrice e devo dire che è stata una piacevole scoperta.
Il libro ha un bel intreccio e, pur essendo quasi 500 pagine non è per niente pesante. Anzi, è ben ritmato con l’alternanza di momenti tranquilli a momenti adrenalinici.
Leggendolo si ha come l’impressione di essere dentro un film d’azione, un mix tra poliziesco e spionaggio.
Come protagonisti abbiamo un testimone da proteggere e un killer che per antonomasia è freddo e senza cuore. Ma se esistesse qualcuno in grado di sciogliere tutto quel ghiaccio che si è costruito come corazza?

“D espirò e lasciò cadere nuovamente la testa all’indietro, gli occhi chiusi. Jack rimase semplicemente seduto al suo fianco, con la spalla premuta contro la sua, le loro mani strette, nascoste tra di loro come serrature, due lati separati da una barriera di legno duro ma unite da un meccanismo nascosto, in attesa solo della chiave giusta per allinearli.”

D è un uomo che si è isolato dal mondo, da qualsiasi emozione, tanto che a volte non si sente nemmeno un essere umano.
Jack è un uomo brillante, un chirurgo maxillofacciale, che ridà alle persone speranza dopo che sono rimaste sfigurate per brutti incidenti o per malformazioni congenite.
Sono due mondi diversi, due caratteri agli antipodi eppure in qualche modo, che solo l’amore sa, sono compatibili.
Jack vede dietro la maschera ben costruita di D e vede un uomo distrutto, lacerato che ha però ancora un cuore che può battere, ma talmente nascosto in fondo a se stesso da non poter essere ritrovato se non con l’aiuto di qualcuno.

“Dove stiamo andando?” chiese D.
“In casa. Ho intenzione di portarti a letto.”
“Jack, io…”
“Zitto. Non m’importa se sei danneggiato o se non sei abbastanza forte dentro di te. Cosa credi? Nessuno lo è. Qualsiasi cosa sia rimasta dentro di te è sufficiente.”

A tutto questo aggiungete agenti fbi, killer su commissione, agenti segreti e una famiglia in stile mafioso e avremo un bel mix esplosivo!
Libro che consiglio sicuramente e spero in futuro di leggere altri libri di questa autrice.

Voto
5 stelle

Editing
Prishilla

Recensione: Verso la rovina di Charlie Cochet

img_4019

Titolo: Verso la rovina
Autore: Charlie Cochet
Serie: THIRDS (#3)
Traduttrice: Chiara Seri
Casa editrice: Triskell edizioni (Rainbow)
Genere: fantasy, suspence, romance m/m
Formato: ebook
Pagine: 233
Prezzo: € 5,99
Data di uscita: 14 novembre 2016

Le strade di New York sono più pericolose che mai a causa della guerra tra l’Ordine di Adrastea, rimasto senza un leader, e la Coalizione Ikelos, un nuovo gruppo teriano comparso da poco. Dei civili innocenti rimangono coinvolti nel fuoco incrociato, e anche se i THIRDS arrestano sempre più membri dell’Ordine, nella speranza di impedire al pericoloso gruppo di riorganizzarsi, i membri della Coalizione continuano a scappare e a creare scompiglio nel nome della giustizia da vigilanti.

Peggio ancora, qualcuno all’interno dei THIRDS sta fornendo informazioni alla Coalizione. Tocca alla Destructive Delta trovare la talpa e mettere fine alla guerra prima che qualcun altro rimanga ferito. Ma per portare a termine la missione, il gruppo dovrà affrontare le conseguenze delle esplosioni al Centro Giovanile Teriano.
Una schermaglia con i membri della Coalizione porta l’agente Dexter J.Daley a fare una scoperta scioccante, e all’improvviso appare chiaro che quell’ondata di violenza non è poi tanto casuale: c’è sotto più di quanto Dex e Sloane pensavano all’inizio.
Il loro rapporto impetuoso viene messo alla prova e, mentre il caso subisce una svolta esplosiva, Dex e Sloane rischiano di perdere molto più della loro relazione.

Recensore
Sunshine

Arrivati al terzo volume della serie THIRDS il ritmo è sempre alto, sia per quanto riguarda la parte poliziesca e suspance, che per la parte sentimentale ed emotiva del libro.
Il problema di alcune serie è riuscire a mantenere alto il livello di tensione man mano che esce un nuovo volume. Beh, finora Charlie Cochet non ha avuto questo problema, anzi ogni libro successivo è meglio del precedente.
La parola chiave per descrivere la buona riuscita di questa serie e di questo terzo volume è: equilibrio.
Il dover affrontare non solo l’Ordine, ma anche la Coalizione ha giovato alla parte suspence. Non più un nemico, ma due… anzi tre, se si conta che devono anche scoprire la talpa all’interno dei THIRDS stessi.
E qui apro una parentesi.
Solitamente capisco prima che venga svelato nei libri e nei film chi è il cattivo, l’assassino, il traditore di turno. Beh, questa volta proprio non l’avrei mai detto.
Per quanto la serie sia incentrata su Dex e Sloane, l’autrice fa ben interagire tutto il resto della squadra con i due personaggi principali, dando il giusto spazio alla loro vita e ai loro sentimenti.
Tra questi, in modo particolare, Cael e Ash, sia per quanto riguarda il loro rapporto sia quello di amicizia tra Ash e Sloane, fraterno tra Cael e Dex e di compagni di squadra tra Dex e Ash.
La narrazione è fluida, dinamica e non annoia mai, anzi è difficile posare il libro per fare qualcos’altro.

Voto
5 stelle
Editing
Prishilla

Recensione: Uno studio in QI di Cristina Bruni

image

Titolo: Uno studio in QI
Autore: Cristina Bruni
Casa editrice: self published
Genere: M/M, steampunk
Formato: ebook (disponibile su Amazon)
Pagine: 47 (in PDF) novella
Prezzo: € 2.99
Data di uscita: 30 giugno 2016

Trama

Era la primavera dell’anno 1889 del Nuovo Calendario Astronomico e Nuova Albione stava morendo. Soltanto poche coppie meritevoli con un Quoziente Intellettivo superiore alla media si sarebbero aggiudicate il diritto di salvezza e un passaggio verso la Nuova Terra.
Per Watson-John, ex medico militare con una passione segreta per l’oppio e gli uomini, tutto sembra perduto.
Fino a quando il detective Holmes-Sherlock non bussa alla sua porta.

Recensore

Pur non essendo lo steampunk un genere che amo particolarmente, devo ammettere che ho trovato questo racconto gradevole.
Molto probabilmente ciò è dato dalla buona scrittura dell’autrice che ha dimostrato di sapersi destreggiare in generi diversi, anche se, a mio parere, è nel contemporaneo che dà il meglio di sé.
E chi non ama la coppia Holmes-Watson? Altro punto a suo favore, anche per averli messi in un’ambientazione insolita, futuristica e aver inventato un bel modo per creare l’accoppiata.
Il titolo del racconto fa riferimento a Uno studio in rosso opera di Doyle, in cui comparve per la prima volta il personaggio di Holmes.
Pur senza nessuna scena d’amore la tensione e l’attrazione tra i due è palpabile in ogni gesto, in ogni parola.
Lettura scorrevole e molto piacevole.

Voto

Editing

Recensione: La prima cosa vera di Cat Grant

image

Titolo: La prima cosa vera
Titolo originale: The First Real Thing
Serie: Icon men (#1)
Autrice: Cat Grant
Traduttrice: Emanuela Graziani
Casa editrice: Triskell edizioni (Rainbow)
Genere: Contemporaneo
Formato: pdf, epub, mobi
Pagine: 127 pagine
Prezzo: € 4.49
Data di uscita: 31 agosto 2016

Trama

Cameron è l’escort più richiesto di New York. Ha una sola regola: mai lasciar entrare nessuno. Ma quando adesca il pubblicitario Trevor Barclay al bar di un hotel, il sorriso timido dell’uomo e i suoi occhi verdi fanno dimenticare a Cameron tutte le sue regole.
I loro incontri appassionati lasciano Cameron scosso, senza fiato… e innamorato per la prima volta nella sua vita.
Ma come può dire a Trevor che il primo uomo con cui sta dopo sedici anni vende il proprio corpo per vivere?

Recensore

“La prima cosa vera” è il primo volume della trilogia “Iron Men” di Cat Grant: una storia d’amore, l’incontro di due mondi diversi, eppure simili che rivoluzionerà le vite di Cameron e Trev.
Questa storia descrive molto bene e con delicatezza il mondo della prostituzione fatto da cose bruttissime ma anche da “qualcosa di bello”, tramite il racconto di un escort che ha trovato l’amore. Ma ho percepito tutto di questo amore sempre in modo abbastanza freddo, soprattutto da parte di Cameron (l’escort), anche se l’idea dei due protagonisti che sentono il sentimento per la prima volta e il come le loro vite cambiano a causa di esso avrebbero dovuto essere davvero emozionanti.
Infine non vedo l’ora di leggere presto della Diva Michelle, di Mike e Ryan perché sono dei personaggi secondari che hanno subito catturato la mia attenzione.

Voto

Editing

Recensione: Il Ronin e la Volpe di Cornelia Grey

img_4017

Titolo: Il Ronin e la Volpe
Autore: Cornelia Grey
Casa editrice: self published
Genere: fantasy, m/m
Formato: ebook e cartaceo
Pagine: 114
Prezzo: €2,99 (ebook), € 5,20 (cartaceo)
Data di uscita: 26 ottobre 2016

Trama

Nel Giappone feudale, Kaede Hajime vive da ronin vagabondo, un samurai senza un signore. Quando passa la notte in una locanda, il proprietario lo implora di aiutarlo a fermare una pericolosa kitsune, uno spirito volpe, che tormenta il villaggio. Ma, quando cattura lo spirito, che ha la forma di un bellissimo ragazzo, Hajime scopre che anche la kitsune ha dei problemi. La perla che contiene l’anima dello spirito è stata rubata, rendendolo schiavo del suo nuovo padrone, che lo obbliga ad attaccare il villaggio.

Hajime accetta di aiutare la volpe a recuperare il gioiello, ma vivere con uno spirito volpe non è facile, e la fiducia che sta nascendo fra loro è continuamente messa alla prova. Le kitsune sono prima di tutto imbroglione, e Hajime deve capire quanto di ciò che la volpe gli dice sia la verità. A peggiorare le cose, un vecchio compagno di Hajime è in città, portando con sé gli amari ricordi dei suoi giorni da samurai. Hajime deve trovare un modo per recuperare il gioiello prima che il ladro scateni contro di lui i notevoli poteri della kitsune… e cercare di non rimetterci il cuore.

Recensore
Sunshine

È la seconda volta che mi capita di leggere un libro con ambientazione giapponese in cui si intrecciano leggende popolari e devo dire che ne sono sempre più affascinata.
Si dice spesso che la copertina di un libro è il biglietto di presentazione assieme alla quarta di copertina e, seppur a volte libri con copertine non tanto belle si siano rivelati veri gioiellini, in questo caso posso dire che la scelta della copertina sia stata perfetta. Appena l’ho vista mi sono detta che dovevo leggere questo libro.
Un libro in cui si intrecciano i destini di un ex samurai, ora ronin, e di uno spirito volpe.
La trama è intrigante ed è stata ben sviluppata.
Cornelia Grey ci trasporta in un mondo popolato da onore e soprannaturale ed è talmente brava da riuscire a darci l’impressione di essere dentro a questo mondo che ha creato, da riuscire a visualizzarlo nella nostra testa mentre leggiamo.
Ho amato i due personaggi, in modo particolare lo spirito volpe, che risultano ben delineati.
Spero di leggere in futuro altri lavori di questa autrice perché le sue trame non sono mai banali e sono decisamente originali nel mercato italiano.

Voto
4 stelle

Editing
Prishilla