Recensione: Cuore di terra rossa di N.R. Walker

image

Titolo: Cuore di terra rossa
Serie: Cuore di terra rossa #1
Autore: N. R. Walker
Traduttore: Emanuela Graziani
Genere: Contemporaneo, Cowboy
Pagine: 170
Formato: epub. Pdf. mobi
Prezzo: € 3,37
Data d’uscita: 24 maggio 2016

Trama

Benvenuti alla Sutton Station: una delle più grandi fattorie attive nel centro dell’Australia, dove, se gli animali e il caldo non vi uccidono prima, potrebbe farlo il vostro cuore.

Charlie Sutton dirige la Sutton Station nel solo modo che conosce: come faceva suo padre prima di lui. Determinato a tenere la testa bassa e il cuore a freno, Charlie giura che la terra rossa che lo circonda – che lo isola – gli scorre nelle vene.

Lo studente di agronomia americano Travis Craig arriva alla Sutton Station per vedere come gli agricoltori si guadagnano da vivere avendo a che fare con una delle condizioni ambientali più dure sulla terra. Ma non sono i paesaggi aridi, crudeli e davvero bellissimi a conquistarlo in modo così completo: è l’uomo col cuore di terra rossa.

Recensore

Cuore di Terra rossa racconta la vita di Charlie Sutton, un cowboy australiano tutto d’un pezzo e di come riuscirà a liberarsi dei suoi fantasmi, così da trovare l’amore grazie a (e con) Travis Craig, un ragazzo americano arrivato in australia per vedere come vengono gestite le stazioni, vista la presenza di una terra così arida.
N. R. Walker è estremamente brava a far trasparire bene i sentimenti di Charlie per tutto il romanzo e per questo la storia è molto molto godibile.

“Nel corridoio mi imbattei in Travis.
Non aveva nulla addosso, a parte l’asciugamano. Io portavo solo i
boxer.
Stavo lì in piedi come un coniglio davanti ai fari, e sul suo viso si allargò lentamente un sorriso. Il suo sguardo esaminò attentamente il mio corpo, giuro che riuscii a sentirlo, come se i suoi occhi fossero delle mani
calde chi mi scorrevano sulla pelle.”

“Ricambiai il suo sguardo. Se non potevo sentirlo accanto a me,
addormentato nel mio letto, quella era l’alternativa migliore. Non aveva
le sue braccia attorno a me, non era spaparanzato nel
mio letto, a monopolizzarlo, non c’erano baci asonnati sul mio
petto. Ma il modo
in cui era disteso lì e mi guadava mi fece sentire come se ci fosse.
Non dicemmo nulla – si presumeva stessimo
dormendo – ma restammo a guardaci l’un l’altro. Era tutto silenzioso, a
parte il bestiame e il suono di qualcuno che russava… e il cuore che mi
martellava nel petto.
Non so chi di noi due si addormentò per primo”

E in aggiunta si respira all’interno del libro l’amore per la natura attraverso la descrizione che ne fa l’autrice e il rapporto che i protagonisti hanno con essa.

“Il sole era quasi del tutto scomparso, l’aria si era rinfrescata e l’orizzonte era un tramonto perfetto dell’Outback, con un mix di arancione, rosa e violetti”

“Era come se Travis non avesse fatto altro in tutta la sua vita, e anche
dal mio posto in elicottero riuscivo a vedere il suo sorriso mentre Texas si lanciava al piccolo galoppo per recuperare un manzo o due che si erano allontanati dal gruppo.”

Credo che questi due momenti in particolare resteranno nella mia memoria, per sempre.

P.S. Mi sono piaciuti molto anche i veri genitori di Charlie.

Voto

Editing

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...