Recensione : La grande fuga di Susan Elizabeth Phillips

la_grande_fuga-cover

Titolo: La grande fuga
Titolo originale : The great escape
Autore: Susan Elizabeth Phillips
Traduttore : Laura Scipioni
Serie : Wynette Texas
Genere :Romance contenporaneo
Editore : Leggereditore
Formato: eBook/cartaceo
Prezzo: € 6 ,99 ebook – € 12.67 cartaceo
Data d’uscita : 27 Ottobre 2016

Trama

La madre di Lucy Jorik è tra le donne più famose al mondo. Per questo Lucy è abituata a tenere un comportamento che non metta mai in imbarazzo la sua famiglia… Almeno fino al giorno in cui la combina davvero grossa. Invece di dire “sì” all’uomo più perfetto che abbia mai conosciuto, fugge dall’altare e salta in sella a una moto sgangherata guidata da uno sconosciuto dall’aspetto rude che non potrebbe essere più estraneo alla sua esistenza privilegiata. Nella casa di lui, su un’isola dei Grandi Laghi lontana anni luce dagli agi della sua vita precedente, Lucy spera di trovare una nuova direzione e di scoprire i segreti di quell’uomo che non rivela niente di sé ma che, ne è certa, nasconde qualcosa di profondo e doloroso. Quello che sicuramente scoprirà, mentre le calde giornate estive si susseguono fra brezze profumate e tempeste improvvise, sarà una passione che potrebbe cambiare la sua vita per sempre…

Recensore :

Princesse Belle

 “La grande fuga” di Susan Elizabeth Phillips è la storia di Lucy, la figlia adottiva del presidente degli Stati Uniti, è proprio per questo, che questa donna è sempre stata sotto gli occhi di tutti e si è sempre dovuta comportare in modo irreprensibile, per non far sfigurare i suoi genitori.
Il romanzo inizia con la nostra eroina che fugge fuori dalla chiesa con tanto di abito da sposa (più o meno) per non sposare il perfettissimo Ted Beaudine.
Fuori dalla chiesa incontra un uomo su una moto che, seppur controvoglia, le dà un passaggio. Lucy lascia Ted, la sua famiglia, la sua migliore amica, le loro aspettative, per poter ritrovare se stessa e la sua libertà, soprattutto lontano dalle limitazioni che una vita sotto i riflettori le ha sempre dato.
Panda (il motociclista) è un taciturno e anche un po’ rozzo e i due passano le due settimane successive a battibeccare fino a quando… leggete!
A questo punto i due si allontanano e, il romanzo della Phillips non appare più una “fuga”, quanto un “ritorno”. Si tratta di “ritrovare” il porto sicuro di Lucy, ovvero ritrovare Panda.
Fino a questo punto il romanzo non mi ha entusiasmato come tutti gli altri romanzi di di Susan Elizabeth Phillips. Diciamo la verità: Lucy non mi è piaciuta proprio, poi però l’autrice si è ripresa con il classico colpo di romance e tutto è tornato normale, per così dire.
Non posso dire che questo libro sia tra i miei preferiti ma Susan Elizabeth Phillips mi piace sempre e comunque.

Voto : 

3 stelle e mezzo

Editing :

Lady Kant.jpg

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...