Recensione: Anime affamate di Annemarie De Carlo

image

Titolo: Anime affamate
Autore: Annemarie De Carlo
Serie: Anime alla deriva (#2)
Casa editrice: Amarganta edizioni
Genere: fantasy, m/m
Pagine: 212
Formato: cartaceo e ebook
Prezzo: cartaceo € 13,00  – ebook € 2,49
Data d’uscita: 28 aprile 2016

Trama

Brian è una giovane pop star in declino. La perdita del suo amato Ermanno lo ha depresso, apatia e allucinazioni lo tengono lontano dal palco da più di tre anni. Desidera dormire perché nel sonno riesce a incontrarsi con lui. Riesce a rallegrarsi solo a contatto della piccola Gemma, figlia di Bianca, che in virtù di uno strano potere gli permette di vederlo. Le forze del male, sconfitte nel passato, tuttavia, continuano a tramare. Gli Altri capeggiati dal Vecchio sono determinati a prendersi una decisiva rivincita sugli Eterni: il perfido Giuliano e il malvagio Sasha tessono trame sottili. L’occasione per rimettere le carte in gioco arriva con un reality show che isola in un castello nel Monferrato numerose star della musica pop internazionale, Brian e Bianca compresi. Nuove sfide, imprevedibili incontri e subdoli tradimenti mettono a dura prova Brian, sempre più prostrato dai ricordi del passato, minando il rapporto con la sua famiglia e mettendo in pericolo ciò che ancora possiede di più caro.

Recensione
Sunshine

In questo secondo volume ritroviamo i protagonisti che avevano lasciato a tre anni di distanza. Alcune cose sono cambiate, ma soprattutto è mutato Brian. Dopo la perdita dell’amato si è chiuso in se stesso e si è allontanato dalla musica. Nulla lo interessa se non poter dormire, perché è proprio durante il sonno che può incontrare colui che ama.
Le forze del Bene e del Male sono sempre all’opera, chi per proteggere chi per distruggere. Ritroveremo vecchi nemici che portano rancore e sono allo stesso tempo ossessionati da Bianca e Brian. Il rapporto tra Oberon e il fratello e sempre più logoro e né Bianca né Brian capiscono il motivo. Come nel volume precedente la musica è una costante e mi è piaciuto l’espediente (che non vi dirò) che ha usato l’autrice per far manovrare come marionette dalle forze del Male i due protagonisti e non solo.
Brian alla fine riuscirà a riscoprire l’amore e la passione, la sua vena creativa acquisterà nuova linfa dando vita a qualcosa di magico, il suo rapporto con Bianca si rinsalderà e le divergenze con Oberon si appianeranno.
Con questo libro si chiude il cerchio della vicenda iniziata con Anime alla deriva, anche se un bel libro su un certo dottore non mi dispiacerebbe per niente.
L’autrice si riconferma piena di idee interessanti e di una buona scrittura.
Aspetto curiosa di vedere cosa ci proporrà in futuro.

Voto
3 stelle e mezzo

Editing
Prishilla

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...