Recensione: Breathe di Grazia Di Salvo

15977770_1211113312291465_7435990946996221185_n

Titolo: Breathe
Autore: Grazia Di Salvo
Editore: Triskell edizioni (Rainbow)
Genere: Contemporaneo, romance m/m
Pagine: 489
Formato: pdf, epub, mobi
Prezzo: € 6,99
Data di uscita: 25 gennaio 2017

Trama

Nathan Doyle e Nate Abraham sono due uomini completamente diversi. Il primo è un modello affermato e ha tutto ciò che la vita può offrirgli: la macchina dei suoi sogni, una casa gigantesca, compagnia diversa ogni notte e tanti soldi. Il secondo, dopo un passato di abusi e solitudine, conduce una vita tranquilla lavorando in un bar in centro città e mira soltanto a racimolare soldi per poter coronare il sogno di possedere una libreria tutta sua.
Grazie all’annuncio della madre di Nathan, che cerca un badante notturno per il figlio, e al bisogno di soldi di Nate, i due finiscono per incontrarsi, e sarà Nate ad aiutare Nathan a combattere un disturbo da stress post-traumatico che l’uomo non ha alcuna intenzione di curare tramite terapia o medicinali.
Durante questa strana convivenza forzata, Nate imparerà presto che, dietro la facciata da uomo sexy e strafottente di Nathan, si nasconde tanta fragilità e un trauma che nessuno mai vorrebbe provare sulla propria pelle.

Recensore
Mony

È il primo libro che leggo di questa autrice e devo dire che è stato una bella sorpresa, nonostante abbia i suoi difetti.
Nate Abraham trova lavoro come badante notturno di Nathan Doyle, visti gli attacchi di panico di cui soffre quest’ultimo. Secondo me la scelta dei nomi dei due protagonisti non è assolutamente un caso, infatti trovo rappresenti fin dall’inizio il loro essere completamente diversi e allo stesso tempo molto simili. Nathan è un modello famoso ed è molto estroverso, invece Nate è un barista con il sogno di aprire una libreria ed è molto introverso. Nate & Nathan soffrono entrambi della sindrome da stress post-traumatico. Ne ho amato le differenze perché mi hanno permesso di distinguere il barista dal modello e mi è piaciuto molto che insieme siano tutto quello di cui hanno bisogno per poter respirare. I problemi individuali dell’uno e dell’altro assieme alle cause vengono trattati per tutto il romance: ma mentre per il modello viene fatto bene e in modo realistico, per Nate questo avviene solo nella descrizione del suo rapporto con la famiglia e di come viene vissuto e affrontato. Invece la causa della fine della relazione con l’ex viene vissuta con troppa normalità, anche se ha degli effetti sulla sua vita.
Un’altra cosa che non mi è piaciuta assolutamente è che sembra che una delle ragioni per la quale il badante decide di fare per la prima volta l’amore con Nathan sia per non perderlo.
Infine credo che sui personaggi secondari abbia fatto un lavoro fantastico, mi sono piaciuti moltissimo quasi tutti: per i loro pregi e il commettere errori a cui dopo cercano di riparare! Posso avere anche un libro sulla storia d’amore tra Jake & Cody e uno su quella tra Sam & Travis?

Voto
3 stelle e mezzo

Editing
Prishilla

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...