Recensione: In sella col diavolo di K.A. Merikan

image

Titolo: In sella col diavolo
Autore: K.A. Merikan
Serie: Coffin Nails MC
Casa editrice: self published
Genere: gay romance, dark, contemporaneo
Pagine: 480
Formato: ebook
Prezzo: € 4,99
Data d’uscita: 3 maggio 2016

Trama

— QUALE IDIOTA METTEREBBE LE MANI ADDOSSO AL FIGLIO DEL PRESIDENTE? —

Denti. Vice presidente del Coffin Nails Motorcycle Club. Votato alla vendetta. L’ultima cosa che gli occorre è una marchetta a cui fare da babysitter.
Lucifer. Caduto. Smarrito. Solo.

Dopo un’infanzia desolata e all’insegna degli abusi, seguita dal suicidio della madre, Lucifer si è ritrovato solo al mondo, costretto ad arrabattarsi per andare avanti giorno dopo giorno. Suo padre, presidente del Coffin Nails Motorcycle Club, non gli ha mai prestato né attenzioni né affetto. Per questo, quando i Nails si presentano al locale dove lavora come spogliarellista e tuttofare, l’ultima cosa che Lucifer si aspetta è di finire sotto la custodia di Denti, il vice presidente del club, famoso per i suoi spietati interrogatori. L’uomo è la bestia più sexy che il ragazzo abbia mai visto, ma è anche più vecchio ed eterosessuale – insomma, un prurito che Lucifer non ha speranze di grattare.
La vita di Denti è finita dodici anni fa, col brutale omicidio del suo ragazzo. La polizia non ha mai trovato i colpevoli, e tutte le piste si sono rivelate vicoli ciechi; ostinato nel perseguire la propria giustizia, e intenzionato a ritrovare la pace, l’uomo si è unito ai Coffin Nails. Peccato che ad anni di distanza, il caso rimanga aperto, e il fuoco della vendetta continui a consumarlo.
Finché di punto in bianco, Denti non si ritrova a fare da babysitter a un adolescente che nasconde ferite profonde e ha un talento per la fuga. Si è ripromesso di non affezionarsi mai più a nessuno, ma il ragazzino, così sfacciatamente gay, ha bisogno della sua protezione per sopravvivere nel club dei Nails. E ogni giorno che passa, Denti si sente più attratto da quegli occhioni blu… Ma è fuori questione andare a letto col figlio del presidente, anche quando diventa evidente che quella fra loro non è una semplice attrazione fisica.
Quello che Denti non sa è che Lucifer potrebbe anche essere la chiave per trovare la pace mentale che tanto disperatamente insegue.

ATTENZIONE Contenuti espliciti: versamenti di sangue, sesso, parolacce, violenze di vario tipo. Uso inappropriato di strumenti dentistici e latte.
Temi: prostituzione, centauri fuorilegge, crimine organizzato, omofobia, problemi famigliari, coming-out, punizioni corporali, trafficanti d’organi, differenza d’età, ferite da guarire.

Recensore

Princesse Belle

Recensione di “In sella col diavolo” di K. A. Merikan
“In sella col diavolo” è il primo libro tradotto in Italia di due autrici che scrivono sotto lo pseudonimo di K. A. Merikan, ma per quello che sono riuscita a capire si tratta di una serie.
Denti, anche chiamato “fatina dei denti”, è il vicepresidente nonché “l’interrogatore” per la gang di motociclisti chiamata Coffin Nails. È forte, è un duro, ma capiamo presto che sotto i vestiti di pelle e cuoio e la barba lunga si nasconde un uomo con un grande cuore. Il suo capo, Prete, gli ha dato l’incarico di controllare, ma possiamo benissimo dire “fare da baby-sitter” a suo figlio illegittimo Lucifer (Luci), dopo che riescono a recuperarlo da uno strip club. Lucifer non ha avuto una vita semplice, si è arrabattato come meglio poteva dopo la morte della madre, ma è un giovane ragazzo molto solo e dolce che nasconde la sua vera natura gentile dietro un comportamento spavaldo e battute pungenti che mi hanno fatto venir voglia di lavargli la bocca con un chilo di sapone. Ma questo solo all’inizio, poi la sua vera natura è venuta fuori e l’ho adorato. È una macchietta, certo, ma con tutto quello che ha passato non poteva comportarsi altrimenti. Ci sono molti drammi familiari, situazioni che inizialmente vengono nascoste, ma le autrici sono riuscite a fare un ottimo lavoro. È vero che c’è tanta carne sul fuoco in questo racconto, ma è tutto ben sviluppato e, come si dice, il cerchio si chiude e lo fa perfettamente. Luci cerca di trovare la sua strada e, vicino a Denti, si sente al sicuro come mai prima di allora, è l’unica persona di cui si fida. Denti lo tiene a distanza per gran parte del libro (gran forza di carattere visto come lo provoca quel diavoletto di Lucifer). Mi è piaciuto veder crescere la fiducia e l’amicizia fra i due protagonisti. Oltre a tutto questo, hanno a che fare con diversi criminali.
Tutto comincia con il dover ritrovare una partita di droga, poi la situazione si fa più spinosa e avremo a che fare con dei criminali che “allevano” persone che non hanno famiglia, per poterle uccidere, prendere i loro organi e rivenderli. La caratterizzazione di questi personaggi è ciò che dà forza al libro. È vero che le autrici si “accomodano” sul sempre affidabile binomio alfa dominante e giovane sottomesso ma devo dire che funziona, i due si completano a vicenda e li ho trovati perfetti insieme. Denti si unisce alla banda dei Coffin Nails per vendicare la morte di un amante morto anni prima. Il suo sangue freddo e la sua “aggressività” sono in contrasto quando si trova accanto a Lucifer, diventando prima un amico, poi un amante che si occupa di lui perché ci tiene veramente. Lucifer è un po’ uno stereotipo ma funziona bene soprattutto accanto a quell’omaccione di Denti. Luci è una vittima, un figlio trascurato, un fuggiasco, ma è soprattutto un sopravvissuto. Quello che mi è piaciuto veramente è che per quanto la vita gli abbia inferto delle ferite indelebili è riuscito a venirne fuori da tutte le brutte situazioni, sempre con il sorriso sulle labbra, cercando di nascondere le sue paure e le sue insicurezze dietro la sua sfacciataggine e alla sua gioia di vivere. Tutto quello che vuole è una famiglia che lo ami per quello che è, soprattutto vuole l’affetto di suo padre e di suo fratello. Mi è piaciuto molto vedere cambiare il rapporto di Lucifer con il padre e con tutti gli altri motociclisti: cresce durante tutto il corso del libro. Mi ha dato l’idea di una “realtà”. Infatti i Coffin Nails non lo hanno accettato immediatamente, ma sono riusciti ad affezionarsi pian piano…
È stato un libro che mi ha fatto emozionare, diverse volte mi ha fatto venire i crampi allo stomaco, ero smaniosa di leggere più veloce ma allo stesso tempo mi dovevo fermare a causa delle emozioni forti che mi hanno sommerso. Lo rileggerò più che volentieri e non vedo l’ora di avere tra le mani gli altri della serie. Lo consiglio a tutti e soprattutto a coloro che amano le storie non convenzionali. Questo libro non è per i deboli di cuore! Questa storia si occupa di questioni realistiche che sono state sviluppate in maniera egregia. I personaggi sono descritti così bene che sembrano reali.

Voto
5 stelle

Editing
Sirena

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...