Recensione: 72 ore di Clare London

72ore500

Titolo: 72 ore
Titolo originale: 72 Hours
Autore: Clare London
Traduttrice: Emanuela Graziani
Casa editrice: Triskell Rainbow
Genere: Contemporaneo, Poliziesco, romance m/m
Pagine: 311
Formato: epub, mobi, pdf
Prezzo: € 5,99
Data d’uscita: 22 gennaio 2016

Trama

Una volta, Tanner McKay e Niall Sutherland erano molto più che due semplici colleghi agenti dell’Intelligence. Ma poi, una missione è andata terribilmente storta e ha mandato tutto in pezzi, spingendo Tanner a sparire e a interrompere la loro relazione, abbandonando la squadra.

Ora, alcuni attentati misteriosi stanno minacciando il Team, e il loro capo è determinato a riunire tutti prima che sia troppo tardi. Rintraccia McKay in una malmessa area roulotte, portando con sé una persona molto sgradita in cerca di un rifugio temporaneo: Niall, l’uomo che Tanner pensava di non dover rivedere mai più. E che è sicuro condivida lo stesso sentimento.

Intrappolati in una situazione che è sia claustrofobica che altamente pericolosa, Tanner e Niall devono ripercorrere il loro passato e riconsiderare le loro percezioni, la loro lealtà – e i loro desideri – per poter sopravvivere e possibilmente per plasmare un futuro insieme.

Recensore
Mony

Tanner Mckay e Niall Sutherland erano più che semplici colleghi e agenti dell’intelligence, erano amanti, ma a certo punto le loro strade si sono divise, si contrano di nuovo solo quando qualcuno inizia a mettere a repentaglio le vite dei componenti della loro squadra, da qui dovranno tentare di scoprire insieme chi li vuole morti e provare a sistemare la loro relazione personale.

Avevo molte aspettative che sono state deluse, avrei voluto maggiore azione e un rapporto di coppia più maturo.
La coppia protagonista di questo libro mi è stata antipatica per più della metà della narrazione. Tanner è colui attraverso il quale si segue la storia, ed è anche il personaggio che più ho odiato, perché affronta i problemi (superabilissimi con una discussione seria) all’interno della coppia con atteggiamento passivo-aggressivo, per quasi tutto il volume. Poi c’è Niall, quello incapace di esprimere i suoi sentimenti, ma che prova a superare le difficoltà con un comportamento un po’ più maturo, ma non tale da superarle.
Ho odiato questi loro comportamenti, tanto che se non mi avessero affidato la recensione avrei abbandonato la lettura. Avrei quasi voluto dire: non potete farmi capire che provate delle cose importanti, e poi non affrontare con la giusta maturità e impegno le incomprensioni. Quindi, fino a quando non avviene il tanto atteso confronto serio ho pensato: “e dai, forza, non è possibile!”. Sul finire però la storia migliora, visto che chiariscono le cose, si conoscono meglio anche tutti i membri del Team e si entra nel vivo dell’azione volta alla risoluzione del mistero, che è stato incipit del libro. Il finale è carino.

Voto
2 stelle e mezza

Editing
Lady Kant.jpg

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...