Recensione: Spietati gentiluomini di Ginn Hale

12734155_943819732354159_8622820817163043465_n

Titolo: Spietati gentiluomini
Titolo originale: Wicked Gentlemen
Autore: Ginn Hale
Traduttore: Ida Giannini
Casa Editrice: Triskell Rainbow
Genere: m/m fantasy
Pagine: 219
Formato: pdf, epub, mobi
Prezzo: 4,99 €
Data d’uscita: 29 febbraio 2016

Trama

Belimai Sykes è molte cose. È un prodigo, il discendente di antichi diavoli, una creatura di oscure tentazioni e rari poteri. È anche un uomo con un passato brutale e una pericolosa dipendenza.

E Belimai Sykes è l’unico uomo a cui il capitano William Harper può rivolgersi quando deve affrontare una serie di sanguinosi omicidi.

Il signor Sykes, però, non lavora gratuitamente e il prezzo della sua frequentazione costerà al capitano Harper ben più della propria reputazione.

Dai palazzi sontuosi dei nobili, dove la vivisezione e la stregoneria sono celati da una patina dorata, ai quartieri malsani dei Bassinferi, il capitano Harper deve combattere per la giustizia e per la propria vita.

Ha molti nemici e il suo unico alleato è un diavolo che conosce fin troppo bene. Sono questi i pericoli che si incontrano quando si ha a che fare con gli spietati.

Recensore

Princesse Belle

“Spietati gentiluomini” di Ginn Hale è una storia divisa in due novelle collocate nel medesimo mondo fantasy-steampunk. La prima parte riguarda una serie di macabri omicidi e un’indagine. Raccontata dal punto di vista di Belinai, ha un ritmo veloce. Il mistero che l’avvolge crea brividi lungo la schiena al lettore e mi ha emozionata molto.
Il secondo libro (o parte) è raccontato dal punto di vista del capitano Harper e parla di vendetta, di guarigione e di romanticismo. Entrambe le storie hanno gli stessi protagonisti. Il modo di descrivere dell’autrice mi piace moltissimo. È riuscita a creare un mondo dove i personaggi (demoni), per esempio, vivono sotto l’oppressione in una città fantastica. Le atmosfere sono repressive, oscure e il lettore si trova con facilità nel bel mezzo della storia grazie alle descrizioni dettagliate.
Sia Belinai sia il capitano Harper sono personaggi interessanti ed estremamente attraenti, ma vorrei aggiungere che anche quelli secondari sono ben descritti anche se, alcuni di loro, hanno solo un piccolissimo ruolo e appaiono solo per poche pagine, sono altrettanto reali. Harper e Belinai sono diversi come il giorno e la notte, almeno in superficie. Belinai è sarcastico, autoironico e ribelle. Spesso è in contrasto solo per il gusto di fare il bastian contrario. Harper, invece, è dedito al dovere, è un uomo tutto d’un pezzo. Ma dopo una situazione “sconvolgente” (non specifico cosa, non vorrei fare degli spoiler) gli si innescano degli impulsi che teneva calmi e tranquilli sotto la superficie. E questo rivela che anche lui è un ribelle ma rimane comunque più calmo rispetto a Belinai. Proprio come il contrasto che c’è tra i due uomini, anche le due novelle sono in contrasto: non si differenziano solo nell’arco di tempo narrativo ma anche dai punti di vista. Il primo è narrato in prima persona e il secondo è narrato in terza persona. Questa scelta l’ho trovata inusuale ma mi è piaciuta molto, ha fatto sì che il libro fosse strutturato in maniera diversa e varia. Se la prima persona è adatta a una personalità loquace come Belinai, la terza l’ho trovata molto appropriata per il tranquillo e più riservato Capitano Harper. Devo aggiungere però, una mia riflessione personale. Ci sono state delle cose che non mi sono piaciute moltissimo. Per quanto io abbia amato tutti personaggi, a mio avviso, mancava qualcosa nello sviluppo della storia d’amore. Ho come avuto l’impressione che mancasse qualcosa nella sua evoluzione. In conclusione, il finale anche se ha l’happy ending mi ha un po’ deluso ma non vi dirò nulla di più. Lo consiglio comunque anche se non mi ha soddisfatto al cento per cento. Forse soltanto perché le storie fantasy paranormal non rientrano nelle mie corde.

Voto
4 stelle e mezza

Editing

Sirena

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...