Recensione in anteprima: Salvando Alex di Chris McHart

12891641_1030269033699564_7213253290584744598_o

Titolo: Salvando Alex 
Titolo originale: Saving Alex (Unexpected #2)
Serie: Sorpresa (#2)

Autore: Chris McHart
Traduzione: Phoenix Skyler (Revisione Miriam Mastrovito)
Editore: Rawmance Publishing
Pagine: 77
Prezzo: € 2,99
Data d’uscita: 11 aprile 2016

Trama

Non solo Alex è incinto, un qualcosa di punibile con la prigione, ma Gerome, il padre del bambino, è un principe vampiro. Quando degli estranei gli invadono la casa e lo rapiscono, Alex non sa chi sia il responsabile, non sa se rivedrà l’uomo che ama e nemmeno se riuscirà a vedere il figlio che cresce dentro di lui.

Considerandosi il padre del bambino, Sam fatica a starsene con le mani in mano e a lasciare che siano gli altri a organizzare il salvataggio di Alex. La corsa per salvare il suo amato ha inizio quando il principe e i suoi segugi trovano un indizio importante. A quel punto, tutto quello che può fare è incrociare le dita affinché il piano messo a punto funzioni.

Quando il principe Gerome riceve delle richieste di riscatto, le istruzioni sono chiare: dovrà unirsi a un perfetto estraneo o non rivedrà mai più Alex, né il figlio che porta in grembo. Riuscirà a convincere il promesso sposo ad aiutarlo o saranno coloro che cercano di spodestare la sua famiglia a vincere questo gioco infido di ricatti?

Avvertenze: contiene un rapimento, unioni non volute, un re calcolatore, troppe persone che perseguono i propri scopi e un Alex molto incinto.

Princesse Belle

“Salvando Alex” è il secondo volume della saga scritta da Chris McHart. Eravamo rimasti con il nostro protagonista rimasto incinto di Gerome, un principe vampiro, che però non ha nessuna intenzione di riconoscere come suo il futuro nascituro, anche se si è reso disponibile ad aiutarli economicamente. Alex, intanto, si è reso conto di essere innamorato del suo migliore amico e coinquilino Sam, il quale (fortunatamente, per noi romanticone) lo ricambia. Sappiamo già dal libro precedente, che un uomo incinto è malvisto e se le autorità scoprissero il suo stato interessante Alex finirebbe in prigione… Fine del riassunto delle puntate precedenti.
Ora veniamo a questo romanzo. Alex viene rapito da due scagnozzi vestiti di nero (e quale altro colore, altrimenti?) ma nessuno sa chi siano, chi possa essere il mandante e la motivazione. Almeno questo all’inizio, poi si scopre il vaso di Pandora e parecchi segreti vengono a galla. Durante la prigionia Alex è ossessionato dai peggiori pensieri che un uomo (ma possiamo anche dire donna o persona) incinto possa avere e, allo stesso tempo, anche Sam, il fidanzato, nonché futuro padre del bambino, è angosciato dagli stessi macabri presagi. Qui vorrei aggiungere qualcosa di mio. Per quanto entrambi i personaggi fossero ansiosi, a me la loro ansia non è arrivata granché. Sì, lo so, problema mio. Magari perché quando leggo di “certe tragedie” sono abituata a qualcosa di meno soft ma, come ho detto, magari sono o ero io che nel leggerlo non avevo lo stato d’animo adatto.
Ma andiamo avanti. Sam non trovandolo a casa ha compreso che Alex era stato rapito grazie a un telecomando della televisione… Mi chiedo: se invece di capirlo da un oggetto che era semplicemente fuori posto lo avesse capito da una lampada rovesciata e/o rotta a causa della colluttazione non sarebbe stato più realistico?
Comunque, Sam chiama Gerome che si fa accompagnare da certi… lupi? (non si è capito) che fiutano la casa da cima a fondo e… stop! Qui mi fermo! Già ho fatto troppi spoiler.
Insomma, alla fine tutto bene quel che finisce bene ma secondo me qualcosa poteva essere migliorato (questione di gusti. Io ho avuto questa impressione, poi ognuno ha la sua idea).
In conclusione la storia è carina, piena di situazioni intriganti (che però potevano essere strutturate di più), i personaggi sono ben descritti e finalmente scopriamo qualcosa di nuovo anche sul principe vampiro e la sua congrega.

Voto
3 stelle e mezzo

Editing
Lady Kant.jpg

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...