Speciale Ty e Zane: Luci e Ombre di Abigail Roux e Madeleine Urban

Divide&ConquerITLG

Titolo: Luci e Ombre
Serie: Armi e Bagagli (#4)
Autore: Abigail Roux – Madeleine Urban
Traduzione di: Martina Nealli
Casa editrice: Dreamspinner Press
Genere: m/m
Pagine: 359
Formato: ebook mobi-epub-pdf
Prezzo: $ 6.99
Data d’uscita: 30 dicembre 2014

Trama

La città di Baltimora, nel Maryland, è in pieno subbuglio. Un’escalation di violenza ha suscitato polemiche e proteste fra i cittadini, e a farne le spese in termini di popolarità sono le forze dell’ordine, compresa l’FBI. Da qui le ultime trovate del Bureau per migliorare la propria immagine pubblica: un torneo di softball cittadino e una serie di conferenze rivolte ai commercianti e alle scuole. Peccato che per gli agenti speciali Ty Grady e Zane Garrett i nuovi impegni si traducano in meno ore libere da trascorrere insieme – ore che avrebbero volentieri passato ad approfondire la loro relazione.

Finché non esplode – letteralmente – una nuova ondata di crimine, che mette a dura prova non solo la popolazione e l’FBI, ma anche il rapporto incerto e altalenante che unisce Ty e Zane. I due uomini si ritrovano nei guai fino al collo, costretti a brancolare nel buio in cerca dei bombaroli e dei rapinatori, e con un solo modo per raggiungere vivi la luce in fondo al tunnel: chiudere gli occhi e fidarsi l’uno dell’altro.

Recensore

Sunshine

ATTENZIONE SPOILER!

A ogni libro della serie Armi e Bagagli mi rendo conto che le sottolineature sul mio kindle aumentano copiosamente. In questo quarto volume ho segnato ben quindici pezzi, di cui ovviamente non potendo inserirli tutti nelle recensione, dovrò fare una selezione accurata. Ma con Ty e Zane è così, non se ne può fare a meno, se ne escono con frasi che dici “Wow, accipicchia!” e il tuo povero cuore è pervaso da una miriade di emozioni che ti lasciano come dopo il passaggio di un uragano.

L’azione come sempre non manca. Questa volta i nostri Ty e Zane saranno alle prese con una serie di bombe piazzate in città, che creano il panico e rendono la popolazione scontenta delle forze dell’ordine. Se gli ordigni inizialmente non sono indirizzati a chi deve difendere la città, dopo una “vivace” e diretta dichiarazione di Ty davanti alle telecamere, chi è atto a piazzarli sarà determinato a colpire proprio Ty.

12063650_785825704861302_6508017994865852422_nIn uno degli attentati Zane verrà ferito e Ty si ritroverà a doverlo accudire. Inoltre sarà messo a riposo dal suo capo per evitare che ci lasci le penne. Ora, immaginate Ty escluso dalle indagini e costretto a casa preoccupato per la salute di Zane. Altro che bomba pronta a esplodere!

Con Zane, però, si comporterà egregiamente, tanto che ci ritroveremo a sperare, in ogni pagina, che finalmente Zane confessi a Ty i suoi sentimenti. Ty sa bene cosa prova Zane, anche se quest’ultimo a parole non si sia ancora esposto.

Cit. “Dopo il momento di disagio a Capodanno, avevano instaurato un piacevole tran tran che a Ty non dispiaceva affatto mantenere. Si era letteralmente buttato e aveva detto a Zane di amarlo. Zane non gli aveva mai propriamente risposto, ma poco dopo il ritorno dalla crociera di Natale, Ty aveva notato che il partner non si era rimesso la fede nuziale. Per lui era più che sufficiente.

 Era un gesto semplice, ma la diceva lunga. Ty sapeva quanto Zane venerasse la moglie e quale inferno avesse patito dopo la sua morte. Il partner aveva continuato a portare l’anello per i sei anni successivi alla sua scomparsa. Vedere quel dito spoglio lo faceva sentire bene come pochissime altre cose.”

Per Zane è difficile ammettere di amare Ty, proprio a causa del suo passato. Ha già perso una persona di cui era innamorato e il solo pensiero di amare qualcun altro e di poterlo perdere lo terrorizza. Mettiamo anche in conto che entrambi hanno una professione pericolosa e che sembra attirino guai uno dopo l’altro! Possiamo fargliene una colpa se ha paura? Io, di certo, no. Anche se allo stesso tempo soffro per Ty perché si merita qualcuno che lo ami incondizionatamente e che glielo dica e glielo dimostri tutti i santi giorni. È vero che Ty ha spesso un caratteraccio (non che quello di Zane sia migliore!) ma è leale, onesto e affidabile, in ogni aspetto della sua vita.

Cit. “La rivelazione lo colpì come il lampo di un temporale estivo che sfrigola nell’aria fresca di febbraio. Voleva Ty con sé, lo voleva da morire. Ne aveva bisogno come partner, e non solo al lavoro. Lo bramava come amante più di quanto avesse mai bramato l’eroina. Era preso da lui in talmente tanti modi che non aveva idea di come liberarsi, e nemmeno voleva provarci. Ty lo amava. Zane ci credeva. Ma aveva anche creduto di non essere capace di ricambiarlo come l’altro meritava. Era così tanto il dolore che teneva Zane legato al suo passato – il filo sottile che continuava a legarlo a Becky, la moglie scomparsa anni addietro – che aveva mancato di cogliere i segnali più ovvi. Era stato troppo impegnato ad annaspare nel tentativo di lasciar andare quello che ormai era andato, e a domandarsi se aveva il diritto di afferrare quello che gli stava di fronte. Era importante per lui capire quando la brama era diventata bisogno, e quando il bisogno si era fatto affetto, e se quell’affetto potesse davvero diventare altro. Perché Ty non meritava niente di meno. Ora Zane lo vedeva. Il desiderio che provava non era dipendenza. Era molto più lancinante. Ed era abbastanza importante da spingerlo a cambiare tutta la propria vita pur di esserne degno, e per questo non c’erano altre spiegazioni plausibili. Amava Ty con tutto quello che gli restava del proprio cuore, e alla fin fine, era bastato un occhiolino per farglielo accettare.”

Ty comprendendolo come nessuno ha mai fatto, riesce a essere veramente paziente. Certo che mi sono domandata spesso quanto una persona possa rimanere in attesa prima di gettare la spugna.

Cit. “Sapeva già che Zane lo amava, a modo suo. Sperava solo che sapesse che l’unica cosa che Ty aveva amato più a lungo di lui era la Bronco.”

Durante il periodo in cui Zane rimane a casa in convalescenza, mi ha colpito una telefonata tra Zane e Deuce, il fratello di Ty. Deuce rassicura Zane sulla preoccupazione di quest’ultimo di essere lasciato da Ty se non dovesse tornare a stare bene come prima dell’esplosione, ma gli fa anche presente che Ty lascerebbe una persona che non corrisponde il suo amore.

Zane è da tanto che analizza e cerca di capire cosa prova per Ty, però, è anche vero, che Deuce in un’altra occasione ha aiutato Ty a far luce sui suoi sentimenti. Insomma questi interventi sporadici di Deuce in realtà, li ho trovati utili alla trama, dando ogni volta una spinta ai due protagonisti, che con calma ma compiono passi avanti.

12029849_10207284627101270_4721200573644847821_oArriverà poi un momento in cui Ty non ce la farà più. Lui è disposto a sostenere Zane in ogni circostanza, a supportarlo in ogni modo, ma ha bisogno anche che Zane faccia altrettanto, perché come tutti pure lui necessita di qualcuno che sia presente, cui appoggiarsi in un momento di crisi.

Cit. “ Così tante volte si era trattenuto, imbarazzato all’idea di aprirsi con lui. Così tante volte aveva scelto di essere quello tutto d’un pezzo, l’insensibile, la roccia con cui bilanciare l’umore altalenante di Zane. Aveva funzionato. Per loro e per lui. Ora sembrava che il castello di carte si stesse sfasciando, e Ty era stufo di nascondersi almeno quanto era stufo di vedere Zane nascondersi.”

Servirà l’ennesima situazione al limite fra la vita e la morte per far dire a Zane quello che da mesi Ty anela di sentir uscire dalle sue labbra. La paura è un grosso incentivo. La stessa paura di perdere Ty che l’ha paralizzato tutto quel tempo, sarà il motore che gli farà sputare fuori la verità. Perché perdere Ty è inimmaginabile, ma perderlo senza che lui sappia dallo stesso Zane cosa prova è ancora peggio.

Cit. «“La prima volta che ti ho guardato, dopo che avevo smesso di odiarti, sapevo,” disse, facendo eco alle sue parole, “sapevo che mi sarei innamorato di te.”… “Subito ho riso,” continuò Zane, un accenno di supplica nella voce, “poi l’ho negato, e poi ho fatto tutto quello che potevo per dimostrare a me stesso che sbagliavo, ma non ha funzionato.”
“Lo so, Zane,” sussurrò Ty, anche se doveva ammettere che la confessione gli aveva levato un peso dallo stomaco. Non si era reso conto di avene così bisogno.
“Ty.” Finalmente nel pronunciare il suo nome, la voce quieta e rassicurante di Zane si ruppe. “Ti amo e ho paura di perderti. Ti prego, non lasciarmi solo nel buio.”»

E poi voi vi direte, tutto risolto? Ormai siamo alla fine del libro, che altro deve succedere ancora?

E invece, no! Il finale mi ha lasciata di stucco… e non solo!

Mi è montata una rabbia nei confronti di Ty che proprio non mi aspettavo, ha fatto una cosa che non è da lui, non dopo quello che Zane aveva finalmente confessato.

Che altro dire? Questa serie assolutamente da leggere, è un mondo che ti cattura, capace di farti provare emozioni indescrivibili.

Voto

5 stelle

Editing

Madame Bovary

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...