Recensione: Nessun’altra strada di Viola Lodato

11391111_820924804643653_4337726503701054201_n

Titolo: Nessun’altra strada
Autore: Viola Lodato
Pagine: 209 pagine
Collana: Fantascienza
Genere: M/F
Formato: pdf, epub, mobi
Prezzo: € 4,99
Data di uscita: 12 giugno 2015

Trama

Victoria è una ragazza di ventitré anni che vive in una società angloamericana dai tratti quasi post-apocalittici e orwelliani. Il suo passato è costellato di eventi negativi che l’hanno segnata e che le ha portato via ogni cosa.Dopo aver perso tutto, finalmente riesce a trovare qualcuno disposto ad aiutarla, un lavoro, l’amore.
Da un giorno all’altro, però,si trova nuovamente da sola e decide di rischiare la vita pur di salvare Clay, l’uomo che ama. Victoria mette in atto il suo piano e cerca di fuggire oltre la Manica, verso la libertà, ma il viaggio non sarà facile come crede. Arrivata finalmente in Francia, ciò che trova la sconvolge: riaffiorano volti del passato, personaggi nuovi estremamente significativi e l’odio di Clay.
Ad un passo dal riappropriarsi della sua vita, Victoria si troverà costretta ad affrontare i fantasmi di un passato che credeva ormai sepolto, per salvare se stessa e chi ama.

Recensore

Rosy

Ciao a tutti, oggi vorrei parlavi del libro di Viola Lodato.
Quando ho iniziato a leggere le prima pagine facevo fatica a comprendere il testo perché la nostra scrittrice non è partita descrivendo luoghi o personaggi , ma è partita subito con la storia, che mi ha incuriosita, per i personaggi, per il modo insolito di conoscersi e anche per i luoghi di cui parla, alimentando più avanti altra curiosità.
Parliamo di Viki e Clary che si conoscono mentre lei vive in strada come senzatetto, dopo esser dovuta andar via dall’esercito, mentre Clay lavora al programma.
Clary aiuta Viki, la ospita in casa sua, le trova un lavoro; diventano amici che si sostengono l’un l’altro, i ragazzi sono entrambi orfani. I loro genitori sono morti a causa di un morbo chiamato Weiren, che non dà nemmeno il tempo di rendersi conto di stare per morire se non a pochi giorni dalla fine.
Viki aveva anche un fratello, Xander, ucciso dal regime perché si era ribellato al sistema per cui è rimasta sola. A Clay, invece, è rimasto il fratello più piccolo, Kevin, di cui prendersi cura.
Ci troviamo in Inghilterra, dove il regime separato dalle altre nazioni aveva ideato un programma di intrattenimento chiamato “Una sfida per la speranza” che raccoglieva disperati, persone che avevano bisogno di soldi per aiutare le famiglie contro il morbo e gente convita di poter vincere per far soldi. Il gioco consisteva in 10 persone che dovevano affrontarsi e uccidersi, il sopravvissuto avrebbe vinto i soldi necessari per le cure mediche e una casa.
E’ cosi che Clay si ritrova a partecipare: il fratellino sta morendo. Da qui in poi vi posso assicurare che non sono riuscita a separarmi dal libro: dovevo sapere, volevo sapere, ci sono molti colpi di scena e una resurrezione, oltre al tradimento e all’amore, perché, sì, alla fine si trova anche l’amore.
Leggetelo!

Voto

3 stelle e mezzo

Editing

Lady Kant.jpg

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...