Recensione: Chase nell’ombra di Amy Lane

chaseinshadowitlgTitolo: Chase nell’ombra
Serie: Johnnies (#1)
Autore: Amy Lane
Traduzione: Deborah Tessari
Casa editrice: Dreamspinner Press
Genere: m/m
Pagine: 372
Formato: ebook mobi-epub-pdf
Prezzo: $ 6.99
Data d’uscita: 22 settembre 2015

Trama

Chase Summers: un ragazzo d’oro. Una bella ragazza, dei buoni amici e un futuro promettente.

Ma nessuno conosce il vero Chase.

Chase Summers ha una lametta da rasoio appoggiata al polso e l’odore dell’addio al suo amante appiccicato alla pelle. C’è una porta nel suo cuore, così spaventosa che preferirebbe morire piuttosto che aprirla, e le bugie che ha utilizzato per tenerla chiusa diventano più deboli a ogni tocco proibito. La vita di Chase è in disfacimento e la decisione di liberare la sua sessualità in segreto ha contribuito a mandare in pezzi la sua mente più velocemente.

Chase ha la possibilità di vivere un amore vero e salvarsi. Può anche aver incontrato Tommy Halloran nel mondo del gay a pagamento – mondo in cui non importa il numero di amanti, l’importante è girare una buona scena – ma se vuole la guarigione che l’amore di Tommy ha da offrirgli, dovrà trovare il coraggio di lasciare l’ombra del passato per la luce del sole. Potrebbe voler dire chiedere troppo a un uomo che ha passato tutta la vita a nascondere il suo vero io. Chase lo sa fin troppo bene: le sole cose che prosperano nell’oscurità di un cuore sono i demoni personali che amano guardarci sanguinare.

Recensore

Princesse Belle

Chase “Chance” Summers sembra avere una vita perfetta: una fidanzata bellissima che lo ama, degli amici che gli vogliono bene, è iscritto all’università ed è a un passo dall’avere un futuro meraviglioso. Però questa a quanto pare è tutta una finzione, un “teatrino” che Chase si è costruito. Egli ha un segreto che vuole proteggere da tutti e da tutto, a qualsiasi costo, ed è riuscito a farlo benissimo con chiunque gli stesse vicino, mai nessuno è arrivato a superare il muro che lui ha innalzato per nascondersi.
Con la scusa di aver bisogno di denaro per pagare l’università, comprare una casa e dare una vita “perfetta” alla sua fidanzata, quando sente parlare di “Johnnies”, un sito porno gay, vede questa situazione come un’opportunità per vivere dei brevi momenti nei quali essere veramente se stesso perché può convincersi e convincere gli altri che lo sta facendo per denaro, protetto anche dal fatto che molti altri ragazzi che vi lavorano sono eterosessuali.
Non ha fatto i conti con le incognite che la vita a volte ci presenta.
Chase non si aspetta di incontrare Tommy “Tango” Halloran e di innamorarsene profondamente. L’unica persona al mondo che è stata in grado di trovare una crepa nel muro di Chase, l’unico al quale Chase abbia mai raccontato un po’ di se stesso. Da questo momento in poi il nostro protagonista vive due vite distinte e separate, fino a quando non diventa sempre più difficile lasciare Tommy per tornare da Mercy e questo lo consuma sempre di più fino a un punto cruciale della sua vita: la scelta di vivere o morire. È qui che il romanzo di Amy Lane inizia.
“Chase nell’ombra” è scritto in maniera molto particolare: il presente è inframmezzato da una serie di flashback. Presente e passato si mischiano in continuazione. All’inizio questo mi ha un po’ confusa ma, una volta capito come era strutturato il romanzo, è stato molto piacevole leggerlo.
Dopo il primo capitolo si torna indietro di un anno e si scopre pian piano l’infanzia del ragazzo. Le scene di sesso sono numerose ma possiamo vedere come sia diverso Chase quando fa sesso per il sito internet e poi in seguito quando fa l’amore con Tommy. Per quanto riguarda le prime scene, queste sono molto hot e vediamo come il nostro protagonista desideri veramente essere toccato e toccare un altro uomo. Anche con Tommy le scene di sesso sono molto sensuali ma, allo stesso tempo, sono dolci e piene di passioni e di sentimenti, espressi o meno.
Quando Chase incontra Tommy diventano amici per poi diventare presto amanti e innamorarsi l’uno dell’altro.
Le emozioni che Chase prova per Tommy sono profonde e reali; si rende conto di quanto il suo amore per Mercy sia un amore fraterno, non esattamente quello ideale per una futura moglie, e la consapevolezza del dolore che sta provocando sia a Tommy sia a Mercy lo porta in bagno e a tagliarsi le vene dei polsi.
Le storie che Amy Lane ci propone, a mio avviso, sono sempre molto dolorose ma al contempo reali, hanno un forte contenuto emotivo e sono sempre piene di scene strazianti che lasciano il lettore (me, in questo caso) con un guazzabuglio di emozioni con cui fare i conti.
Questa storia non è da meno, non ci parla solo d’amore ma anche di accettazione di se stessi, e del perdono nostro e degli altri.
Chase ha avuto un’infanzia traumatica, resa ancora peggiore da un padre che non lo ha mai accettato neanche da bambino. È cresciuto con un forte senso di disgusto nei confronti di sé e con il senso di colpa per qualcosa che non ha fatto.
Nonostante sappia benissimo di essere gay e non lo accetti, nascondendo la testa sotto la sabbia, nonostante tradisca Mercy, secondo me non può non fare ciò che sta facendo.
Cerca con tutto se stesso di essere “perfetto”, di essere etero, perché se fosse veramente gay allora il senso di colpa che lo schiaccia non potrebbe essere relegato in un angolo in fondo, dietro a una porta chiusa, perché verrebbe fuori e romperebbe i cardini della stessa, sommergendolo con l’orrore che si trova lì dietro: una marea rosso sangue.
Forse se non avesse avuto un carattere così dolce sotto la facciata strafottente, se non fosse stato così buono, se non si fosse preoccupato così tanto per gli altri e per il dolore che stava infliggendo, non mi sarebbe piaciuto affatto, ma è anche vero che non sarebbe stato Chase. Egli ha un tale bisogno di aiuto, è un ragazzo tanto leso da arrivare a prendere una lametta e tagliarsi le vene.
La Lane non è un’autrice semplice, non scrive “storielle”, e questo romanzo racchiude in sé molte sfaccettature della natura umana. Non ci sono protagonisti bravi, belli e perfetti, contrapposti a quelli brutti e cattivi. Ognuno di loro ha pregi e difetti, fa errori che chiunque nella vita quotidiana farebbe e agisce come la maggior parte di noi agirebbe.
Sono personaggi caratterizzati magnificamente, sono reali, sono forti, ma non sono perfetti.
Chase e Tommy sono talmente innamorati che non ho potuto fare altro che stare dalla loro parte. Tommy, che all’inizio mi era sembrato solo un ragazzino, mi ha fatta ricredere. È un uomo adulto con un carattere forte, certo ha anche lui un bel po’ di problemi, ma ama profondamente Chase e lo comprende e arriva là dove gli altri (perfino Mercy, che dovrebbe essere la donna della sua vita, quella profondamente innamorata) non arrivano.
Mercy è una ragazza brillante, bellissima e simpatica, Chase la ama e la protegge, cerca con tutto se stesso di farle meno male possibile, di garantirle il futuro che le aveva promesso. Dovrei essere dispiaciuta per lei e forse lo sono un po’, ma ho iniziato a non sopportarla dalla “telefonata” cha ha fatto al padre di Chase a Natale. Non sto qui a spiegarvi le mie ragioni, non voglio farvi troppi spoiler, ma c’è una frase che Tommy dice a Chase un po’ più in là nel libro che secondo me racchiude in sé il senso dell’amore : «… come posso amarti e non sapere?»
Chase si era già lasciato andare ad alcune confidenze con Tommy e quest’ultimo, costringendolo a rispondere, mi fa comprendere quanto ami Chase. Mercy vive con Chase da parecchio tempo ormai, ma non lo conosce affatto, non solo perché lui non le ha permesso di conoscerlo ma perché lei non ha avuto abbastanza coraggio, forza e amore per farlo veramente. Dov’è l’interesse nei confronti dell’uomo che dice di amare?
Ecco, questa domanda avrebbe dovuto farla anche lei a Chase molto tempo prima.
Mercy si prende delle libertà che, per quanto possano essere dettate dall’amore, mi sono sembrate errate. Ci sono delle ragioni che hanno allontanato padre e figlio; il primo non è affatto una così brava persona e la ragazza ne è ben consapevole, dal momento che non ha avuto una piacevole chiacchierata con lui al telefono. Allora mi domando: cosa ha spinto Mercy ad agire, prima di chiedere? Perché si è immischiata nella vita di Chase senza neanche avere la più pallida idea di cosa ha portato il suo fidanzato a una rottura e a un odio così viscerale nei confronti del suo stesso padre?
Nella mia visione la risposta è che, per quanto Mercy fosse innamorata di Chase, in realtà era più innamorata della “favola” che si era costruita nella sua testa, crogiolandosi nell’idea di loro due come coppia. Ormai troppo concentrata su di sé che neanche quando il fidanzato è a letto ammalato si è preoccupata per lui, molto più impensierita dal fatto che lo stesse facendo per non andare a ballare: «… ho bisogno di uscire…» gli dice.
Ok. Certo. Lui ha la sua grossa fetta di colpa perché ha promesso e ha permesso che lei si costruisse la sua favola personale ma ciò non toglie il fatto che un rapporto di coppia va curato quotidianamente, senza dare mai niente per scontato, e qui mi fermo, perché ne ha fatta una ancora più grossa!
Per quanto riguarda gli altri ragazzi di “Johnnies”, li ho adorati tutti quanti. Si prendono cura gli uni degli altri come se fossero una famiglia e non vedo l’ora di leggere gli altri romanzi di questa serie.
In conclusione l’autrice è riuscita lentamente a far superare a Chase le situazioni negative e a fargli trovare l’aiuto di cui ha bisogno, in modo che si renda conto che è circondato da tante persone che gli vogliono bene per quello che è, e che non c’è assolutamente bisogno di essere “perfetto”.
E finalmente trova la felicità, quella vera.
La storia è meravigliosa ed è un turbinio di emozioni che solo una grande autrice sa trasmettere.
Lo consiglio vivamente.
P.S. Scusatemi se mi sono dilungata tanto.

Voto

5 stelle

Editing

Lady Kant.jpg

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...