Recensione:Il Canto del Deserto di Adele Vieri Castellano

IL-CANTO-DEL-DESERTO

Genere: Romance Storico

Editore: Leggereditore

Pagine: 420

Prezzo: € 12,00

Ebook: € 4,99

Uscita: 22 Gennaio 2015

Trama

 Luxor, 1871.Lady Sylvia Dunmore, vedova dopo un disastroso matrimonio, giunge in Egitto con il padre. Per lei è un sogno che si avvera, finalmente potrà vedere con i suoi occhi i mitici luoghi che ha imparato a conoscere attraverso le lettere del fratello Adam, che da anni collabora con le spedizioni archeologiche del duca di Brokenwood, l’amore negato della sua adolescenza, divenuto cieco a causa di un terribile incidente.

Il desiderio di scoperta che da sempre anima Sylvia viene presto esaudito: il duca le offre di unirsi a una spedizione diretta all’oasi di Siwa, sulle tracce del mitico esercito scomparso di Cambise. Da subito la sua bellezza attira l’attenzione di un enigmatico personaggio, ladro di tombe, poliglotta e studioso di reperti antichi, ma Sylvia è troppo affascinata dall’avventura per preoccuparsene. Fino a quando il clamoroso rinvenimento del ritratto di una mitica regina del passato, Nefertiti, non scatena una serie di eventi drammatici che metteranno in serio pericolo la sua vita.

A salvarla dal terribile destino cui è stata condannata sarà Abu Ramla, il Padre della Sabbia, con il suo coraggio e l’unica travolgente forza che nessuno può sconfiggere: l’amore.

Recensione:

10394118_689072884536585_2475815704928207728_n

Salve a tutte amiche di Emozioni fra le pagine oggi voglio commentare “IL canto del deserto” di Adele V. Castellano.

Ambientato tra la Cornovaglia e l’Egitto nel 1870 circa, i protagonisti principali sono Sylvia, Lady Dummore e Nicholas Duca di Brokenwood. Sylvia assieme al padre parte alla volta di Luxor per andare a far visita al fratello Adam appassionato archeologo. Appena arrivata scopre che anche il migliore amico del fratello Sir Nicholas, per il quale la nostra Sylvia nutre dei sentimenti fin dall’adolescenza, si trova là.

nick 2

La sorpresa e molto grande anche perché molte cose sono cambiate: non è più la sorellina del suo migliore amico, è diventata una donna affascinate, colta, coraggiosa e intraprendente, segnata da un matrimonio d’interesse finito in modo tragico e l’uomo affascinante e altezzoso che popolava i suoi

sogni d’adolescente è cambiato, vittima di un incidente dove ha perso la giovane moglie e ha riportato la perdita della vista, ma questo suo handicaap non ha minimamente scalfito il suo carisma che traspare in maniera chiara nel proseguimento della lettura. Pur non vedendola, Sua Grazia rimane colpito dalla personalità di questa affascinate donna, una ventata di aria fresca se paragonata alle nobildonne che frequentano i salotti bene di Luxor. Decide di invitarla alla spedizione verso l’Oasi di Siwa, sulle tracce dell’esercito perduto di Cambise, scatenando le “ire” del fratello Adam, che vorrebbe tenerla sotto la classica “campana di vetro”. Ma questa donna di così rara bellezza suscita l’interesse di Zayd Ambath, un uomo potente e ambiguo, figlio del rais locale, oltre che essere una sciacallo di tombe e tesori. Sylvia infatti assomiglia in maniera incredibile alla famosa regina egizia Nefertiti. Ma la spedizione nel deserto è costellata di pericoli e insidie tanto che la vita di Sylvia sarà messa a repentaglio da questo losco individuo.nick

Nicholas faticherà non poco a salvarla. La determinazione il coraggio saranno le sue armi migliori visti i sentimenti che ormai nutre per lei…

Questo è un piccolo accenno di trama di questa bellissima storia scritta in maniera incredibile dall’autrice, che con uno stile oserei dire impeccabile descrive paesaggi, notizie storiche con particolari in maniera accurata, ma senza mai essere supponente, tanto che mentre leggi ti sembra, di essere in un suk oppure nel deserto in un oasi, tanto riesce a coinvolgerti mentre prosegui nella lettura.

Detto questo mi sembra doveroso un accenno all’altra coppia presente in questa storia composta da Adam, il fratello di Sylvia e Judith, l’ereditiera americana che diventa presto amica di Sylvia.

Due persone caratterialmente opposte, ma che insieme fanno scintille. Archeologo lui, e lei pittrice, danno vita a una bellissima storia che segue quasi in parallero la coppia principale.

Aggiungo inoltre che Adam è il protagonista assoluto della scena più sensuale di tutto il libro!!!

Veramente ben descritta e mai volgare fa venire i brividi.

adam

Sorpresa piacevolmente dall’autrice verso la fine del libro con un pizzico di paranormal che ho molto apprezzato.

Veramente una lettura coinvolgente che mi ha tenuta incollata alle pagine dall’inizio alla fine tanto che il mio pensiero è stato “no! È finito!”

Grazie ad Adele e al suo Canto del Deserto per le bellissime emozioni che hanno lasciato nel mio cuore ….. è vero alcuni libri ci parlano e questo è uno di quelli.

A mio modesto giudizio la storia si presterebbe benissimo come trama di uno sceneggiato televisivo e mi piacerebbe sapere dall’autrice se ha mai preso in considerazione l’idea di proporlo ?

Consigliatissimo a tutte le amanti del genere e non…

Voto:

19291_691360877641119_4909409783435438000_n

Editor:

11081281_691738044270069_27299941738044169_n

Cit:

Sir Nicholas:

«Allora non volete sposarmi?» mormorò con un filo di voce. Il giovane che le stava di fronte aggrottò le sopracciglia senza più sorridere e la sua voce divenne risoluta: «Un giorno mi ringrazierai per averti rifiutata, piccola Sylvia. Senza contare che Adam mi toglierebbe la pelle se osassi posare le mani sulla sua sorellina. Sono lontani i giorni in cui correvamo nella brughiera e tu eri il folletto che ci inseguiva. Ora è tutto diverso. Non hai nessuna esperienza del mondo, tantomeno degli uomini. Un giorno troverai chi ti farà felice, adesso ti riporterò alle saline, da lì tornerai a casa senza correre alcun pericolo.» Attese che lei si decidesse a incitare il cavallo e, senza più il coraggio di guardarlo, Sylvia ubbidì.

Neferkheperura-Waenra Amenhotep:

Neferkheperura-Waenra Amenhotep allargò uno dei bracciali d’argento che gli ornavano il polso e lo infilò al suo. «Questo è ciò che avrai di me nel tempo che ti rimane. Non guardare indietro, mia adorata, respiro del mio respiro. Aton, mio padre, mi ha permesso di guardarti con occhi umani e toccarti con mani di carne. Non deludere la mia speranza di rivedere il sole.

Adam:

«Mia sorella è una donna formidabile ma tieni la bocca chiusa, non voglio che lo sappia. Devo mantenere la fama di fratello bigotto e irreprensibile.»

Grafica:

11076216_695128910597649_919777177109244773_n

Annunci

3 thoughts on “Recensione:Il Canto del Deserto di Adele Vieri Castellano

  1. Grazie per la lettura, sono sempre emozionata quando leggo una recensione del Canto: rivivo ogni volta le magiche atmosfere egiziane! Un abbraccio a tutto il blog! Buon lavoro ragazze!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...